Sentiero Italia CAI Lombardia D16S Rifugio Cesare Benigni – Rifugio Marco e Raimondo Balicco

SI-D16S Le montagne lombarde

Rifugio Cesare Benigni – Rifugio Marco e Raimondo Balicco Dal rifugio Benigni (2222 m) si scende alla sottostante conca erbosa ed al ripido canale roccioso che si percorre con attenzione, soprattutto in caso di clima umido o dopo temporali o nevicate improvvise. Giunti alla base si prosegue a mezzacosta, arrivando rapidamente al passo di Salmurano (2017 m) da dove è ben visibile il lago artificiale di Pescegallo. Si continua sul crinale fino ad un pianoro dove si piega verso destra e, con percorso a mezzacosta, si arriva nei pressi del M. Avaro dove si incrocia il sentiero 109. Procedendo si raggiunge una forcella e, passando sul lato opposto, si discende un vallone, si piega a sinistra e si attraversano i pendii orientali del M. Ponteranica, per poi raggiungere il pianoro dell’Acqua Nera (1750 m). Con un’ultima leggera salita, si raggiunge in breve il rifugio Ca’ San Marco (1829 m). Il luogo, da sempre utilizzato come valico commerciale tra la Repubblica di Venezia e gli stati d’Oltralpe, è punto di transito della celebre via Priula, costruita tra il 1592 e il 1593 su volere di Alvise Priuli, podestà di Bergamo.

La via Priula utilizzava il soprastante passo di S. Marco per passare dalla val Brembana alla Valtellina, collegando Bergamo con Morbegno (SO). Dal rifugio (1829 m) si sale al passo San Marco (1992 m) con l’antica mulattiera (la storica Via Priula) e si scende poi in Valtellina lungo la strada carrozzabile che porta a Morbegno per circa 150 m. Ora occorre seguire il sentiero che si stacca sulla destra e che attraversa il versante settentrionale del Pizzo delle Segade, per giungere così fino a un breve tratto di cresta presto interrotto da una stretta forcella (Bocchetta d’Orta). Da essa il sentiero lascia la cresta (per la quale si proseguirebbe, invece, fino in vetta al M. Azzarini) per discendere un breve canalino erboso, ritornando così sul versante bergamasco. Il sentiero, con alcuni saliscendi, supera la baita Colomber e attraversa la conca erbosa fino al passo della Porta (2023 m) da cui si prosegue in falsopiano sino al Rifugio Marco e Raimondo Balicco (1963 m).   Questa tappa segue fedelmente il Sentiero delle Orobie occidentali.

Si consiglia di visitare il sito del CAI per tutte le informazioni – Fonte @CAI.it

Informazioni tecniche

  • Distanza: 14,28 km
  • Dislivello positivo: 826 m
  • Difficoltà tecnica;: Medio
  • Dislivello negativo: 1.065 m
  • Altitudine massima: 2.209 m
  • Altitudine minima: 1.747 m

Altimetria in Wikiloc

Fonte @CAI.it

Sentiero LIGURIA Tratta 28 Sanremo – Ventimiglia

La tratta che collega Sanremo a Ventimiglia percorre sentieri e vie che passano alti sui centri abitati. Arrivati dopo una prima salita all’abitato di Coldirodi si è già in un’altra atmosfera con ritmi di vita diversi. Si prosegue per vie secondarie tra le numerose serre della riviera dei fiori sin ad immergersi nella natura del…

Leggi di +

Sentiero Italia CAI SICILIA 22° Tappa Casa Cartolari Liperni – Floresta

Casa Cartolari Liperni – Floresta Da Case Cartolari Liperni si raggiunge Portella Di Testa sulla Dorsale dei Nebrodi per proseguire il Sentiero Italia in direzione Est percorrendo la strada tra ampi pascoli e stupendi panorami su entrambi i versanti, che spaziano dalla costa tirrenica alla mole dell’Etna, successivamente si incontra Portella Dàgara (1467 m.s.l.m.) da cui…

Leggi di +

Sentiero Italia CAI Puglia R18 Alberona – San Marco La Catola

Alberona – San Marco La Catola Con questa tappa di media lunghezza e discreto dislivello ci si avvicina al confine con il Molise percorrendo gli ultimi pendii e i valloni della Daunia/Capitanata. Siamo nei luoghi della transumanza. Da Alberona si sale direzione nord verso una sella posta tra la cima del Montauro e il t.po…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *