La stazione ferroviaria del Regno Unito, Leighton Buzzard raccoglie l’energia cinetica dai passi dei pendolari

La stazione ferroviaria di Leighton Buzzard nella contea britannica del Bedfordshire ha installato due passerelle costituite da piastrelle cinetiche che utilizzeranno l’energia creata dal peso dei passi dei pendolari per alimentare due banchi di ricarica USB e uno schermo di dati digitali.

View More La stazione ferroviaria del Regno Unito, Leighton Buzzard raccoglie l’energia cinetica dai passi dei pendolari

Edge Amsterdam

Edge Amsterdam È un edificio per uffici di 40.000 m² nel quartiere degli affari Zuidas ad Amsterdam. È stato progettato per la società finanziaria globale e inquilino principale, Deloitte. Il progetto mirava a consolidare i dipendenti di Deloitte da più edifici in tutta la città in un unico ambiente e a creare un “edificio intelligente” che fungesse da catalizzatore per la transizione di Deloitte nell’era digitale.

View More Edge Amsterdam

Nuove forme di produzione di energia

Enel Green Power lancia una nuova challenge agli innovatori di tutto il mondo: ideare soluzioni sostenibili per integrare attività agro-zoologiche all’interno di aree che ospitano impianti fotovoltaici. Il campo in cui cimentarsi è quello dell’agrivoltaico o agro-fotovoltaico, neologismi con cui oggi si indicano i progetti fotovoltaici in grado di fondersi con l’agricoltura locale senza sottrarre terra utile alla produzione alimentare o al pascolo.

View More Nuove forme di produzione di energia

Gli Stati Uniti e l’eolico offshore

Una delle tecnologie più interessanti per la produzione su grande scala di energia elettrica pulita è quella eolica, più nel dettaglio quella installata offshore ovvero in mare lontano dalla costa. Gli Stati Uniti, precisamente il National Renewable Energy Laboratory (NREL) del Dipartimento dell’Energia fa sapere il loro interesse ad espandere questa tipologia di impianti nei prossimi anni in abbinamento a nuovi livelli tecnologici ed economici.

View More Gli Stati Uniti e l’eolico offshore

Maxi parco eolico nel mare di Sicilia

Ha preso il via ufficialmente l’iter autorizzativo per il MeDWos: Mediterranean wind off shore, parco marino eolico, con la presentazione al ministero delle Infrastrutture della domanda per la concessione marittima necessaria e con lo scooping inviato al ministero dell’Ambiente. L’obiettivo è quello di ottenere la valutazione di impatto ambientale.

View More Maxi parco eolico nel mare di Sicilia

ENERGIA EOLICA – Ripotenziamento, estensione della vita o riciclo: i tre anti-age delle turbine eoliche.

Cosa succede quando le turbine eoliche invecchiano? Una domanda che sta divenendo sempre più attuale in Europa, prima regione ad aver spalancato le braccia all’energia del vento. Attualmente nel Vecchio Contenente vi sono 34mila aerogeneratori on-shore con alle spalle più di 15 anni di vita. Insieme rappresentano 36 GW di capacità degli oltre 205 GW eolici totali installati. Una quota importante distribuita per lo più in Germania, Spagna, Francia e Italia. Per molte di queste macchine il fine vita è ormai prossimo. La durata operativa di una turbina è, infatti, intorno ai 20-25 anni. È intuitivo che riuscire a gestire nel migliore dei modi l’invecchiamento delle wind farm, sia oggi un aspetto cruciale per i piani di crescita verde comunitari.

View More ENERGIA EOLICA – Ripotenziamento, estensione della vita o riciclo: i tre anti-age delle turbine eoliche.

Idrogeno per recupero, crescita e occupazione verde.

“Attualmente stiamo vivendo tempi eccezionalmente difficili … Ora abbiamo un’opportunità unica per ricostruire meglio, creare un’economia adatta alle sfide future, più competitiva, inclusiva, più intelligente e, ovviamente, sostenibile. L’idrogeno è una parte fondamentale di questo viaggio “, ha affermato Henrik Hololei, Direttore generale per la mobilità e i trasporti, Commissione europea, nel suo discorso di apertura all’evento di un giorno PrioritHy il 25 novembre 2020.

View More Idrogeno per recupero, crescita e occupazione verde.

Come Produrre Idrogeno in Casa dall’Energia Solare.

Un moderno team di ricercatori italiani ha ri-scoperto un dispositivo inventato dal collega (ancora italiano) G. D. Botto nel 1833, che potrebbe essere utilizzato per produrre idrogeno a basso costo. Si parte da un concentratore solare che riflettendo la luce del sole da due specchi parabolici verso un tubo cavo avvolto da metallo e riempito con l’acqua, il dispositivo riuscirebbe a generare sufficiente energia elettrica per produrre idrogeno mediante elettrolisi.

View More Come Produrre Idrogeno in Casa dall’Energia Solare.