Clima, Accelerazione dello scioglimento dei ghiacciai negli ultimi 20 anni

I segnali e le osservazioni raccolte dai satelliti già lo facevano ipotizzare, ma ora è arrivata la prima conferma: lo scioglimento di due dei maggiori ghiacciai antartici, Pine Island e Thwaites, ha raggiunto il punto di non ritorno. Si ritiene che lo scioglimento dei ghiacci in questa regione, ormai inarrestabile, potrebbe portare al collasso dell’intera piattaforma glaciale dell’Antartide occidentale, che contiene abbastanza ghiaccio da far innalzare di oltre 3 metri il livello dei mari. A indicarlo è il modello elaborato e pubblicato sulla rivista Cryosphere, dai ricercatori dell’università Northumbria, guidati da Sebastian Rosier.

View More Clima, Accelerazione dello scioglimento dei ghiacciai negli ultimi 20 anni

David Summerfield, Head of Studio, Foster + Partners “MASTERPLAN La Fabrica” rigenerazione di un edificio industriale

La Fabrica. Il progetto è incentrato sulla rigenerazione di un edificio industriale esistente della metà del XX secolo per creare un quartiere urbano integrato a uso misto nel cuore di Santiago, in Cile. Alla base dell’obiettivo sostenibile del progetto, il design si basa sul riutilizzo adattivo di un edificio esistente introducendo il legno come nuovo materiale da costruzione primario. Esteso su un sito adiacente con uno sviluppo residenziale di 550 unità, il masterplan stabilisce un modello abitativo/lavorativo ideale che guarda con fermezza al futuro.

View More David Summerfield, Head of Studio, Foster + Partners “MASTERPLAN La Fabrica” rigenerazione di un edificio industriale

TED – Il movimento globale per la restaurazione della biodiversità del Pianeta Terra

La biodiversità è la chiave per la vita sulla Terra e per far rivivere il nostro pianeta danneggiato, afferma l’ecologo Thomas Crowther. Condividendo la storia interna della sua ricerca sulla riforestazione, che ha portato alla campagna virale Trillion Trees delle Nazioni Unite, Crowther introduce Restor: una piattaforma espansiva e informativa costruita per consentire a chiunque, ovunque, di aiutare a ripristinare la biodiversità degli ecosistemi della Terra.

View More TED – Il movimento globale per la restaurazione della biodiversità del Pianeta Terra

IL PAESAGGIO DELLA PIETRA A SECCO DELL’ISOLA DI PANTELLERIA

L’isola di Pantelleria si sviluppa su una superficie di 8.453 ettari, collocati al centro del canale di Sicilia, sul rift che divide il continente africano da quello europeo. Il 71,1% della superficie totale dell’isola è coperta da terrazzamenti, 5.899 ettari modellati dall’opera dell’uomo a testimonianza di un lungo utilizzo di questa terra ostile, dominata dalle irrequietezze del vulcano, dalla mancanza di fonti d’acqua, dalla presenza quasi costante del vento. La significatività del paesaggio della pietra a secco dell’Isola di Pantelleria è strettamente legata al secolare impegno dell’agricoltura pantesca che ha utilizzato tecniche di coltivazione specifiche per rispondere ai limiti ambientali, alla necessità di risparmio idrico e alla protezione delle piante dai frequenti e intensi venti dominanti.

View More IL PAESAGGIO DELLA PIETRA A SECCO DELL’ISOLA DI PANTELLERIA

IL PAESAGGIO RURALE STORICO DI LAMOLE – GREVE IN CHIANTI

Il paesaggio di Lamole rappresenta il risultato di secoli di adattamento delle popolazioni locali ad un ambiente alto collinare che ha impresso le sue forme alla base naturale allo scopo di sviluppare le attività agricole. L’area, ampliamente utilizzata nel corso dei secoli a scopi agricoli, vedeva già la presenza di importanti insediamenti al tempo degli Etruschi. La storia di quest’area è strettamente legata alle sue caratteristiche geomorfologiche; fino dal periodo romano l’area era stata individuata come zona particolarmente adatta all’agricoltura, per l’esposizione e le caratteristiche del terreno. Le pendenze elevate, almeno dal periodo medievale, hanno favorito in molte parti del territorio la realizzazione di terrazzamenti, costituiti da muri a secco che consentono di sostenere porzioni di terreno che vengono così rese pianeggianti, dando la possibilità di sfruttare le superfici ottenute per le coltivazioni.

View More IL PAESAGGIO RURALE STORICO DI LAMOLE – GREVE IN CHIANTI

Paesaggio policolturale del Mandrolisai: i vigneti di Atzara e Sorgono (NU)

La regione storica del Mandrolisai, collocata esattamente al centro della Sardegna, degrada con le sue colline granitiche verso sud-ovest collegando il massiccio del Gennargentu alla grande valle fluviale del Tirso e al golfo di Oristano. L’area oggetto della candidatura è ubicata nel settore meridionale del Mandrolisai, che è quasi interamente ricompreso nel bacino idrografico del Rio Massari, sub bacino del Tirso.

View More Paesaggio policolturale del Mandrolisai: i vigneti di Atzara e Sorgono (NU)

L’ampia implementazione delle tasse sulla congestione, che riflettono il vero costo della guida per la società e l’ambiente, sposterebbe di 5 giorni l’Earth Overshoot Day.

Quando è necessario coprire l’intero costo della guida, è molto più probabile che le persone scelgano modalità di trasporto più efficienti dal punto di vista energetico. Gli studi hanno scoperto che le città con pedaggio a cordone riducono i volumi di traffico automobilistico fino al 22%.

View More L’ampia implementazione delle tasse sulla congestione, che riflettono il vero costo della guida per la società e l’ambiente, sposterebbe di 5 giorni l’Earth Overshoot Day.

Melograno, Punica granatum

Il melograno è una pianta resistente all’arido estivo ed alle temperature invernali tipiche del Mediterraneo; in tali condizioni è straordinariamente resistente ad ogni tipo di malattia. In ambiente inadatto, eccessivamente umido o piovoso, in estate è soggetto a marciumi radicali. In ambiente ben drenato resiste agevolmente a -10 °C, (14 °F).

View More Melograno, Punica granatum

L’applicazione del principio della “città da 15 minuti” alle nostre aree urbane sposterebbe l’Earth Overshoot Day di 11 giorni.

La città di 15 minuti è quella in cui i residenti possono soddisfare la maggior parte delle loro esigenze in 15 minuti a piedi o in bicicletta. Negozi, parchi, scuole e altri servizi sono tutti ubicati in prossimità delle abitazioni e collegati da adeguate infrastrutture pedonali e ciclabili.

View More L’applicazione del principio della “città da 15 minuti” alle nostre aree urbane sposterebbe l’Earth Overshoot Day di 11 giorni.