Strategia dell’UE sulla biodiversità 2030

“La crisi del coronavirus ha dimostrato la vulnerabilità di tutti noi e l’importanza di ripristinare l’equilibrio tra l’attività umana e la natura. La strategia sulla biodiversità e la strategia “Dal produttore al consumatore” sono il fulcro dell’iniziativa Green Deal e puntano a un nuovo e migliore equilibrio fra natura, sistemi alimentari e biodiversità: proteggere la salute e il benessere delle persone e, al tempo stesso, rafforzare la competitività e la resilienza dell’UE. Queste strategie sono una parte fondamentale della grande transizione che stiamo intraprendendo.”

View More Strategia dell’UE sulla biodiversità 2030

Pacciamatura, cos’è e come va fatta

La pacciamatura, come si legge sul portale specializzato My Green Help, è un’operazione che consiste nel ricoprire il terreno attorno ad una pianta o al suo fusto, utilizzando materiali diversi, sia naturali che artificiali. Si tratta di una tecnica utilizzata sia per il giardinaggio che per la coltivazione agricola; in linea di principio, la pacciamatura serve a migliorare il processo vegetativo, migliorando le condizioni del terreno in cui è stata messa a dimora la pianta. 

View More Pacciamatura, cos’è e come va fatta

Legge 2015 del 2017 Norma regolante i distretti biologici

retti biologici, in attesa dell’approvazione definitiva del disegno di legge 988/2018 recante “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, per il momento approvata in Commissione agricoltura in Senato (Gennaio 2021) ma ancora da votare alle Camere per l’approvazione definitiva.

View More Legge 2015 del 2017 Norma regolante i distretti biologici

I biodistretti in Italia: stato dell’arte

Si tratta di una realtà molto variegata, che non si basa su un unico modello, se non quello genericamente riferito allo sviluppo locale basato sui valori dell’agricoltura biologica. Per fini puramente classificatori, è possibile comunque dividere i biodistretti italiani in due gruppi principali, che si distinguono soprattutto per il ruolo attribuito alle filiere biologiche nella strategia di sviluppo.

View More I biodistretti in Italia: stato dell’arte

Agricoltura verticale: I 5 motivi per cui migliora gli aspetti nutrizionali degli alimenti prodotti

elle proprie case e agli imprenditori di soddisfare la crescente domanda di quantità più fresche e più elevate di prodotti coltivati ​​localmente. Si sente spesso parlare di fattorie verticali che utilizzano l’acqua in modo sostenibile, il 95% in meno rispetto alla tradizionale raccolta in campo aperto, per fornire raccolti dal sapore superiore.

View More Agricoltura verticale: I 5 motivi per cui migliora gli aspetti nutrizionali degli alimenti prodotti

Approccio agroecologico e biodistretti

Inoltre l’importanza attribuita alla concentrazione territoriale dell’agricoltura biologica, favorendo approcci di tipo territoriale, collettivo e partecipativo, di cui i Biodistretti sono uno dei possibili esempi, è stata riconosciuta dalle Raccomandazioni per i Piani Strategici della PAC, nell’ambito dell’obiettivo “Rafforzare la tutela dell’ambiente e l’azione per il clima e contribuire agli obiettivi ambientali e climatici dell’Unione”, pubblicate dalla Commissione europea Il 18 dicembre 2020. Tale approccio territoriale, unitamente a quello di filiera, potrà contribuire in modo significativo alla diffusione dell’agricoltura biologica e a raggiungere gli obiettivi auspicati dal Green Deal e dalla collegata strategia “Farm to Fork”. Tra questi si evidenzia che “almeno il 10% dei terreni agricoli sia destinato ad elementi caratteristici del paesaggio con elevata diversità” e che “almeno il 25% della superficie agricola dell’UE sia investita a agricoltura biologica” entro il 2030.

View More Approccio agroecologico e biodistretti

BIO – Come consociare e perché

Con il passaggio dall’agricoltura tradizionale (spesso familiare) a quella industriale, alcune regole e pratiche sono state abbandonate, dimenticate o trascurate. Queste regole sono state il frutto di migliaia di anni di osservazione ed esperienza. Di tutte le tecniche agronomiche quella dell’associazione era forse quella più strettamente legata all’osservazione che aveva permesso nei millenni di capire come alcune specie andassero tra loro “d’accordo” e altre no. Questa valutazione, inizialmente solo visiva (crescita minore, scarsa qualità, attacchi parassitari, ecc.) Si è trasformata in secoli di valutazioni scientifiche.

View More BIO – Come consociare e perché