Pont du Gard (acquedotto romano) a Nîmes Francia

Patrimonio Universale dell’Umanità UNESCO

Fonte whc.unesco.org

Il Pont du Gard fu costruito poco prima dell’era cristiana per consentire all’acquedotto di Nîmes (lungo quasi 50 km) di attraversare il fiume Gard. Gli architetti e ingegneri idraulici romani che progettarono questo ponte, alto quasi 50 m e disposto su tre livelli – il più lungo misura 275 m – realizzarono un capolavoro tecnico oltre che artistico.

Eccezionale valore universale

Situato nella regione dell’Occitania, il Pont du Gard è l’elemento principale di un acquedotto di 50,02 km costruito a metà del I secolo per rifornire la città di Nîmes, l’antica colonia romana di Nemausus, dalla sorgente dell’Eure situata vicino a Uzès. Un ponte acquedotto a tre piani, alto quasi 48,77 m, permetteva alla condotta dell’acqua di attraversare il fiume Gardon.

Questo triplo ponte, il cui piano più lungo, in cima all’edificio, misurava 360 m, è un’impresa e un capolavoro della tecnica architettonica romana, ma anche un’opera d’arte la cui presenza trasfigura il paesaggio. Situato in un sito naturale che ne esalta l’aspetto imponente e le sue linee di forza, il Pont du Gard poggia su una base rocciosa, incisa dal fiume attraversato dal suo arco maggiore. La dolce e simmetrica rastremazione degli archi, l’ampiezza delle arcate inferiori e la regolarità della galleria superiore conferiscono un aspetto straordinariamente arioso per un’opera di tale portata. 

Tre livelli di Archi

Il Pont du Gard è un eccezionale esempio di ponte costruito nell’antichità. Raggiunge una tripla prestazione con i suoi tre livelli di archi di dimensioni disuguali e si caratterizza per l’utilizzo, per la costruzione degli archi dei livelli inferiori, di rulli giustapposti composti da conci recanti segni di posizionamento incisi. Nel panorama degli acquedotti romani, questo eccezionale edificio è il risultato di un ampio adattamento al regime fluviale del Gardon, le cui piene sono improvvise e devastanti. Le labbra installate davanti ai pilastri sono progettate per resistere all’acqua alta, e l’apertura dell’arco principale inferiore (24,52 m invece di 21,87 m per gli archi degli estremi) facilita il deflusso dell’acqua.

Costruito, sui primi due livelli, con grandi blocchi di pietra e, al livello superiore, con piccoli pietrisco che sostengono le lastre di pietra adiacenti del canale, il Pont du Gard è uno dei monumenti più rivelatori sui processi di costruzione del prima età imperiale. Sulla lavorazione della pietra sono ancora visibili i segni degli attrezzi dei cavatori e degli scalpellini, e talvolta la codifica delle pietre, con cifre e lettere, che ne indica la posizione nello schema di montaggio. La precisione nell’esecuzione incontra alla perfezione un design impegnativo e il Pont du Gard è considerato, sin dal XVI secolo, una delle maggiori realizzazioni della civiltà romana.

Criterio (i): Il Pont du Gard è un capolavoro della tecnica romana e un’eccezionale realizzazione artistica che, con la sua presenza, trasfigura il paesaggio.

Criterioo (iii):   Edificio eccezionale nel panorama delle opere dell’acquedotto romano, il Pont du Gard costituisce una testimonianza unica della tecnica degli ingegneri e costruttori romani al servizio dello sviluppo urbano e territoriale, che è una delle caratteristiche di questa civiltà.

Criterio (iv): Il Pont du Gard è una delle opere più rappresentative dei processi costruttivi di epoca imperiale romana.

Integrità

Nel corso del Medioevo l’antica struttura perse un gran numero di pietre; a monte del porticato superiore sono scomparsi dodici archi. Fu anche durante il Medioevo che il ponte venne adattato al passaggio di uomini e animali: fu costruito un sentiero e i piloni del secondo livello furono tagliati per oltre la metà del loro spessore, mettendo a rischio la stabilità dell’edificio. Nonostante queste spoliazioni è da sottolineare il notevole stato di conservazione del Pont du Gard.  Negli anni 1699-1702 i piloni furono riparati e furono costruiti dei mensoloni a livello dei piloni per consentire il passaggio della strada.

Finalmente, nel 1746, la costruzione di un ponte stradale annesso al primo livello del ponte romano fu affidata all’ingegnere Henri Pitot, che ebbe la preoccupazione di adattare la sua opera il più fedelmente possibile all’antico ponte.

Autenticità

L’eccezionale ingegnosità del progetto del Pont du Gard rimane evidente nella sua disposizione leggermente curvilinea, e le labbra installate davanti ai pilastri testimoniano gli sforzi compiuti per adattare la sua costruzione al regime fluviale del Gardon. L’immobile è uno dei più ricchi di notizie sui processi costruttivi della prima età imperiale romana, come dimostrano la raffinata lavorazione della pietra, l’assemblaggio dei blocchi che portano ancora i segni degli strumenti dei cavatori e degli scalpellini, nonché la codifica per l’assemblaggio . La cava da cui furono estratte le pietre è conservata a circa 600 metri dal sito.

L’acquedotto di Nîmes cessò di funzionare intorno all’inizio del VI secolo e il Pont du Gard non riacquistò mai il suo utilizzo originario.

Dalla fine del XVII secolo e fino ai giorni nostri, il Pont du Gard è stato oggetto di numerose campagne di restauro che lo hanno consacrato, nel suo splendido isolamento, a monumento-insegna, testimone della civiltà romana. Si trova lontano dai villaggi che oggi ospitano una popolazione di 4500 abitanti, e nelle sue immediate vicinanze furono costruiti solo due edifici nel 1865 e nel 1901: un mulino adibito a ristorante sulla riva sinistra, e un albergo sulla riva sinistra Banca giusta.

Requisiti di protezione e gestione

Il Pont du Gard appartiene allo Stato; il Pont Pitot appartiene al dipartimento del Gard, così come un’area di 165 ha attorno al Pont. Il Pont du Gard è classificato monumento storico dal 1840 e protetto dal Codice del Patrimonio. Tutti gli interventi sui monumenti storici sono soggetti all’autorizzazione del prefetto regionale dopo il parere del curatore regionale dei monumenti storici. Inoltre, questo monumento storico genera un perimetro di protezione in cui tutti i lavori sono soggetti all’autorizzazione dell’architetto dei Bâtiments de France. Dal 2013, 7760 ettari attorno al Pont du Gard, alle gole del Gardon e alle garighe di Nîmes sono classificati nel Codice dell’ambiente (protezione del sito). Le autorizzazioni al lavoro sono soggette ad autorizzazione ministeriale. 

Il Pont du Gard beneficia di lavori di conservazione direttamente determinati, finanziati e realizzati dal Ministero della Cultura. Un istituto pubblico per la cooperazione culturale (EPCC) creato nel 2003 gestisce il monumento, il suo sito e le strutture associate. L’EPCC del Pont du Gard associa lo Stato, la Regione Occitania, il Dipartimento del Gard e le tre comunità confinanti con il sito (Castillon du Gard, Remoulins, Vers Pont du Gard). Le sue risorse finanziarie provengono per il 78% dall’autofinanziamento (quote di ingresso alle strutture) e per il 22% da contributi legali degli enti locali.

Sono stati istituiti un consiglio scientifico e un comitato patrimoniale incaricato della governance, che associa l’istituzione dell’EPCC, le autorità locali e lo Stato. È in corso di elaborazione il piano di gestione del Pont du Gard e della sua zona cuscinetto (691 ettari).

Mont-Saint-Michel e la sua baia – Francia

Arroccati su un isolotto roccioso in mezzo a vasti banchi di sabbia esposti alle potenti maree tra la Normandia e la Bretagna si ergono la “Meraviglia dell’Ovest”, un’abbazia benedettina in stile gotico dedicata all’arcangelo San Michele, e il villaggio cresciuto nell’ombra delle sue grandi mura. Costruita tra l’XI e il XVI secolo, l’abbazia costituisce un tour de…

Continua a leggere

Parigi e le rive della Senna – Francia

Parigi è una città fluviale. Fin dai primi insediamenti umani, dalla preistoria alle tribù Parisii, la Senna ha svolto sia un ruolo difensivo che economico. L’attuale città storica, sviluppatasi tra il XVI e il XX secolo, esprime l’evoluzione del rapporto tra il fiume e la città. L’area ben delimitata tra il Pont de Sully e…

Continua a leggere

Abbazia cistercense di Fontenay – Francia

Questo austero monastero borgognone fu fondato da San Bernardo nel 1119. Con la sua chiesa, il chiostro, il refettorio, la zona notte, il panificio e la ferriera, è un eccellente esempio dell’ideale di autosufficienza praticato dalle prime comunità di monaci cistercensi. Situata nella regione della Borgogna Franca Contea, nel dipartimento della Côte-d’Or, nel comune di…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *