Itinerari culturali / La Madonna della rosa

La “Madonna della Rosa” è un dipinto attribuito a Raffaello Sanzio e al suo allievo Giulio Romano, esposto al Museo del Prado di Madrid. Questo quadro è un esempio dell’abilità di Raffaello nel rappresentare scene sacre con una dolcezza e un’eleganza straordinarie.

View More Itinerari culturali / La Madonna della rosa

Processione dei Ceri Sant’Antonio – RIETI

La Processione dei Ceri è una delle manifestazioni religiose più significative e sentite di Rieti, una città situata nel cuore dell’Italia centrale, nella regione del Lazio. Questo evento, che si tiene ogni anno, è un momento di profonda devozione e partecipazione comunitaria, in cui la città celebra la sua storia, la fede e le tradizioni.

View More Processione dei Ceri Sant’Antonio – RIETI

Riserva naturale orientata Pesche – Molise

La Riserva di Pesche comprende una fascia altimetrica in cui sono rappresentate tutte le tipologie vegetazionali forestali essenziali che vanno dal Lauretum al Fagetum che, con diverso grado e secondo diverse modalità, hanno subito una serie di interferenze ed alterazioni dovute alle attività antropiche degli anni passati. Alle quote inferiori e fino ai 900 metri s.l.m., in favorevole esposizione a Sud-Ovest e con substrato calcareo altrettanto propizio termicamente, si rinviene un bel nucleo di leccio sia in struttura boschiva vera e propria che in caratteristiche formazioni rupestri su pareti rocciose sub verticali. Seguono la roverella ed il cerro alle quali si associano la carpinella, l’orniello, gli aceri ed altre specie minori per finire, quindi, con il faggio.

View More Riserva naturale orientata Pesche – Molise

Riserva naturale orientata Montedimezzo – Molise

Immersa nell’incontaminato ambiente dell’Alto Molise, la Riserva di Montedimezzo ospita numerose specie di mammiferi: cinghiali, lepri, tassi, caprioli, martore, donnole, faine, volpi, scoiattoli. Lo stato di conservazione delle cenosi forestali ha consentito che specie come il lupo frequentassero questi luoghi come parte del loro home range. La matrice forestale che caratterizza la Riserva è associata a vicini lembi di prateria ed arbusteti idonei per l’ecologia di alcune specie animali, come la lepre o il biancone, che necessita di zone aperte per la caccia.

View More Riserva naturale orientata Montedimezzo – Molise

Riserva naturale orientata e biogenetica Collemeluccio – Molise

Di proprietà del Duca D’Alessandro di Pescolanciano ed esteso circa 500 ha, il bosco di Collemeluccio fu portato in dote a questi dalla nobildonna Desiderata Melucci, da cui sembra derivi il nome, la quale lo avrebbe acquistato nel 1628 dall’Università di Pietrabbondante. Rimase di proprietà dei D’Alessandro fino al 1895, anno in cui il Banco di Napoli lo vendette a famiglie del luogo e poi venne frammentato per successioni ereditarie. A partire dal 1968, l’Azienda di Stato per le Foreste Demaniali si impegnò in un’opera di ricomposizione fondiaria, terminata con la formazione di un nucleo di 363 ha. Dal 1° gennaio 2017, a seguito dell’assorbimento del C.F.S. nell’Arma dei Carabinieri, è amministrata dal Reparto Carabinieri Biodiversità di Isernia.

View More Riserva naturale orientata e biogenetica Collemeluccio – Molise

Da Cocconato a Castagnole Monferrato

L’itinerario che ci apprestiamo a conoscere è uno tra i più vocati nella produzione vitivinicola con vini importanti, legati alla denominazione astigiana come il Moscato, il Grignolino, la Barbera, il Freisa. Iniziamo quindi da Cocconato, comune situato sulle colline astigiane all’altezza di 491 metri, conosciuto come la Riviera del Monferrato per il suo particolare microlima, dove possiamo degustare la pregiata Robiola di Cocconato, un formaggio di latte vaccino a pasta cruda dal sapore dolce in compagnia con un buon calice di Barbera.

View More Da Cocconato a Castagnole Monferrato

Riserva naturale biogenetica Bosco Fontana – Lombardia

Il Bosco della Fontana rappresenta un relitto di un’area boscosa ben più vasta che, nel XVII secolo, si inseriva in un mosaico paesaggistico in cui le foreste del mantovano erano collegate con quelle ripariali del Mincio e delle colline moreniche. Utilizzata come Riserva di Caccia dalla famiglia Gonzaga, con la caduta del Ducato a metà del 1600, la foresta fu abbandonata fino a divenire, nel 1700, un quartier generale degli Austriaci; nel 1910, dopo continue minacce di distruzione, è finalmente acquisita dal Demanio Forestale.

View More Riserva naturale biogenetica Bosco Fontana – Lombardia

Riserva Naturale Orientata e Biogenetica Agoraie di Sopra e Moggetto – Liguria

Immersa all’interno del Parco regionale d’Aveto la Riserva è raggiungibile percorrendo a piedi una strada forestale lunga circa 3,5 Km. Si estende tra le quote di 1325 e 1360 m s.l.m. Caratteristica peculiare è la presenza di zone allagate e formazioni lacustre contenenti specie vegetali e animali solitamente posizionate ad altitudini superiori. Il Lago degli Abeti, profondo fino a 6,5 m e con superficie di 2600 mq deve il nome alla presenza di tronchi di Abete bianco adagiati sul fondo in condizioni subfossili dall’età stimata di almeno 2500 anni. Numerose torbiere a sfagno accrescono la valenza ecologica dell’area.

View More Riserva Naturale Orientata e Biogenetica Agoraie di Sopra e Moggetto – Liguria

Riserva naturale statale Saline di Tarquinia – Lazio

La zona è stata utilizzata per l’estrazione del sale marino sin dall’età villanoviana; divenuta un importante porto di scambio per le popolazioni di Fenici, Etruschi, Greci e Romani, decade e viene abbandonata in età medievale. La ripresa dello sfruttamento del sale riprende nell’800, a opera dello Stato Pontificio, e cessa nel 1997. Le Saline di Tarquinia sono divenute un’area protetta nel 1980 in quanto gli viene riconosciuta la particolare valenza naturalistica di tale biotopo, che presenta caratteristiche ambientali particolarmente adatte per la sosta e la nidificazione di numerosi uccelli migratori.

View More Riserva naturale statale Saline di Tarquinia – Lazio

Riserva naturale integrale Piscina delle Bagnature – Lazio

La Riserva comprende un susseguirsi di ambienti diversi, dove si alternano il querceto con dominanza di cerro e farnetto e sporadiche farnie, aree di pineta artificiale e un vasto settore periodicamente allagato, con giunchi, menta acquatica, Iris, Callitriche. La lama d’acqua, che può raggiungere i 50/60 cm, permane per diversi mesi l’anno; costituisce un habitat preferenziale per numerose specie di crostacei, anfibi e insetti. Attività in corso di monitoraggio rettili e anfibi

View More Riserva naturale integrale Piscina delle Bagnature – Lazio