Sentiero Italia CAI Lombardia D17S Rifugio Marco e Raimondo Balicco – Rifugio Dordona

SI-D17S Le montagne lombarde

Rifugio Marco e Raimondo Balicco – Rifugio Dordona

Dal Rifugio Marco e Raimondo Balicco si sale fino a valicare la costola del M. Azzaredo per discendere sull’altro versante sino alla baita Piedevalle (1944 m). Si continua con sentiero a mezzacosta arrivando al laghetto di Cavizzola (sentiero 111), al cascinetto dei Siltri (1973 m) e, con una breve salita, alla Forcella Rossa (2055 m).Si prosegue con pendenza costante nella conca sotto il passo di Lemma (raggiungibile con il sentiero 116) fino alla baita Fontanini. Il sentiero taglia a mezzacosta il versante sud della Cima di Lemma senza grossi dislivelli, attraversando zone a bosco e a pascolo.

Importanti vestigia dell’antica attività pastorale sono i recinti in pietra per custodire il bestiame, denominati bàrech e ravvisabili una volta entrati nel vallone che immette al passo di Tartano (2102 m), ormai raggiungibile con poche svolte. Lungo tutto il passo si possono osservare i resti della Linea Cadorna, opera difensiva risalente alla Prima Guerra Mondiale, creata come argine a un’ipotetica avanzata austriaca attraverso la neutrale Svizzera e mai utilizzata a scopi militari. Il panorama regala una dettagliata vista delle Alpi Retiche, dal M. Disgrazia alla Val Masino sino alle cime della Val Chiavenna e Spluga. Vicini e ben visibili i laghetti del Porcile, posti sul versante valtellinese. Dal passo di Tartano (2102 m), raggiungibile da San Simone con il sentiero 101, si piega a destra lungo lo spartiacque, lo si percorre per un breve tratto per poi scendere verso la valle Lunga (Valtellina). Il sentiero, piegando a sinistra, sale al più alto dei tre laghetti di Porcile, ne contorna la sponda settentrionale e, puntando a sud-est, si dirige verso il passo di Porcile (2284 m). Prima del passo si stacca il sentiero 201A che porta al rifugio Dordona (variante al Sentiero delle Orobie occidentali) passando per la bocchetta dei Lupi (2316m) e una strada sterrata. Questa tappa segue fedelmente il Sentiero delle Orobie occidentali.

Si consiglia di visitare il sito del CAI per tutte le informazioni – Fonte @CAI.it

Informazioni tecniche

  • Distanza: 12,34 km
  • Dislivello positivo: 1.032 m
  • Difficoltà tecnica: Medio
  • Dislivello negativo: 1.050 m
  • Altitudine massima: 2.329 m
  • Altitudine minima: 1.835 m

Altimetria in Wikiloc

Fonte @CAI.it

Sentiero Italia CAI Umbria Marche 08 Colfiorito – Bagnara di Nocera Umbra

Colfiorito – Bagnara Con tappa lunga e dislivello ridotto il Sentiero Italia prosegue il proprio cammino in direzione nord attraverso l’Umbria. In direzione ovest si costeggia la palude che caratterizza il Parco Regionale di Colfiorito, prima di svoltare verso nord costeggiando la strada provinciale d’Annifo fino alla piana dove sorge l’abitato di Bagnara. Non ci si…

Leggi di +

Sentiero Italia CAI Umbria Marche 17 Serravalle di Carda – Bocca Serriola

Serravalle di Carda – Bocca Serriola Tappa piuttosto lunga caratterizzata da una serie di saliscendi, ma complessivamente con scarso dislivello, che si sposta verso est in direzione delle alture sopra Città di Castello. In direzione sud est si toccano una serie di elevazioni tra cui il Monte Soma il Monte Vargonzana e il Monte Castellaccio. Si…

Leggi di +

Sentiero Italia CAI Molise Q12 San Pietro Avellana – Rivisondoli

San Pietro Avellana – Rivisondoli L’ultima tappa molisana del Sentiero Italia è di media lunghezza e dislivello e si conclude in provincia di L’Aquila. Da San Pietro Avellana si scende in direzione nord fino ad attraversare il Fiume Sangro dove inizia una lunga salita che dapprima passa per il borgo di Rocca Cinquemiglia per poi…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *