Vini del Lazio
COLLI ALBANI DOP

“Colli Albani” è una Denominazione di Origine Protetta che comprende l’omonimo vino bianco, prodotto anche nelle tipologie Novello, Spumante e Superiore.

Colli Albani DOP

Uvaggio

La produzione dei vini Colli Albani è frutto della composizione di uve provenienti da più vitigni, secondo un attento bilanciamento. La quota maggiore (massimo il 60%) è rappresentata dalla Malvasia bianca di Candia, ci sono poi il Trebbiano toscano, il Trebbiano giallo e il Trebbiano di Soave che, insieme o da soli, possono rappresentare dal 25% al 50% del totale. Un ulteriore quota, tra il 5% e il 45%, è di Malvasia puntinata. Infine, fino ad un massimo del 10%, concorrono anche altri vitigni a bacca bianca, idonei alla coltivazione nel Lazio.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

Il Colli Albani bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,5% vol.), comprese le tipologie Novello e Spumante, presenta una colorazione giallo paglierino, che varia dalle tonalità più chiare fino a quelle più scure. L’odore è vinoso e delicato, accompagnato da un sapore caratteristico e fruttato, che spazia dal secco all’abboccato, all’amabile e al dolce. La variante Superiore manifesta le stesse peculiarità organolettiche ma ha una colorazione più scarica e una gradazione alcolica di 11,5% vol.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione è ubicata nella parte centrale del Lazio, in provincia di Roma, sulla parte occidentale dei Colli Albani. Si tratta di un’area geologica di formazione vulcanica, peculiarità che influenza tutta la morfologia e la composizione dei suoli.

Specificità e note storiche

Il successo vitivinicolo della zona dei Colli Albani è legato senza dubbio all’epoca romana. In questa zona si trovavano tantissime ville romane, ciascuno con i propri spazi dedicati alla viticoltura. E i vini di Albano sono citati molte volte nei testi classici, a partire da Orazio.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE vino COLLI ALBANI DOP

Vini del Lazio
CANNELLINO DI FRASCATI DOP

La produzione del Cannellino di Frascati prevede l’uso per un minimo del 70% di uve provenienti da vitigni Malvasia bianca di Candia e/o Malvasia del Lazio (detta anche Malvasia puntinata). Per il restante 30% possono concorrere, da soli o congiuntamente il Bellone, Bombino bianco, Greco bianco, Trebbiano toscano e Trebbiano giallo. Di questo 30%, una…

Leggi di +

Vini del Lazio
VIGNANELLO DOP

I bianchi hanno un titolo alcolometrico volumico totale minimo che varia da 10,5% vol. a 11,5%vol., e arriva a 15% vol. con la versione Vendemmia tardiva. Il colore è giallo paglierino con riflessi verdognoli, talvolta tendente al dorato. Hanno un caratteristico odore delicato, fruttato, gradevole e talvolta vinoso. Il sapore, invece, va dal secco al…

Leggi di +

Vini del Lazio
FRUSINATE o DEL FRUSINATE IGP

Il “Frusinate” bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,50% vol.) è di color giallo, a volte tendente al dorato o al verdognolo, con un profumo fruttato e un sapore secco e sapido. La tipologia rosso (11,00% vol.), invece, si caratterizza per il color rosso rubino tendente al granato con l’invecchiamento, abbinato a un odore fruttato…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *