Cavolfiore Tardivo di Fano PAT Marche

Prodotto Agroalimentare Tradizionale delle Marche

Pianta rustica e resistente al freddo, di maturazione tardiva, presenta infiorescenze di grana grossa, forma tendenzialmente semisferica appiattita, di colore bianco o bianco avorio, di struttura compatta, privo di pelosità. Le infiorescenze presentano pezzatura medie (diametro 14-18 cm) o medio piccole (da 12 a 14 cm).

Descrizione metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura

Il Tardivo di Fano ha ciclo biologico lungo, il trapianto estivo avviene a fine agosto-primi di settembre e matura da fine febbraio a metà maggio dell’anno successivo. Il prodotto viene conservato in cassette di plastica, condizionato in cella frigorifera e lavorato manualmente in una delle seguenti tipologie: “affogliato”, “coronato”, a “testa di frate”, “defogliato e filmato”, quindi confezionato in cartoni. Affogliato: le infiorescenze sono completamente avvolte dalle foglie (tipologia non apprezzata in commercio); Coronato: le infiorescenze sono parzialmente coperte dalle foglie che vengono tagliate di qualche centimetro al di sopra dell’infiorescenza; A testa di frate: le foglie vengono tagliate di qualche centimetro al di sotto delle infiorescenze; Defogliato: le infiorescenze sono sprovviste di foglie, al massimo possono rimanere cinque foglioline teneri aderenti.

Tradizionalità

Epistolario della nobile famiglia fanese Ferri Montevecchio, propetari di vasti terreni nella valle del fiume Metauro.

Foto risalenti alla lavorazione del cavolfiore di Fano nel 1972 pubblicate sull’Informatore Agrario.

  • Baldoni R. “Prospettive della coltivazione del cavolfiore in Italia” – Atti e relazioni Convegno Nazionale e 1° mostra Camponaria del Cavolfiore – Ediz. C.C.I.A.A. Pesaro 22 maggio 1964;
  • AA.VV. “La commercializzazione del cavolfiore – Atti dell’incontro fra operatori italiani e stranieri. C.C.I.A.A. Pesaro 22 maggio 1965;
  • AA.VV. “La commercializzazione del cavolfiore – Atti del 2° incontro fra operatori italiani e stranieri tenutosi a Pesaro il 07.02.66;
  • Infiorescenze di cavolfiore in alcune nature morte del pittore fanese Carlo Magini della fine del 1700.

Territorio di produzione

Fano (PU) e zone limitrofe della fascia costiera fino a Senigallia (AN)

Marmellata di pomodori verdi PAT Marche

Il prodotto è di colore verde-scuro, molto denso e compatto. Il sapore è caratteristico in quanto, rispetto alle altre marmellate ha un gusto piacevolmente aspro. Si può gustare tale e quale o, meglio ancora, sulle crostate.

Leggi di +

Mela rozza PAT Marche

La pianta vegeta su terreni tendenzialmente acidi, formatisi su substrati arenacei o marnoso arenacei, ad altitudini comprese fra 300 m s.l.m. ed i 950 m s.l.m.. Il marrone di Roccafluvione è un biotipo locale dalle seguenti caratteristiche: albero di media grandezza e buona vigoria, fusto eretto con rami espansi e corteccia di colore grigiastro con…

Leggi di +

Frittelle di polenta PAT Marche

Pizzettine fritte a base di farina di mais, schiacciate, abbastanza sottili. E’ necessario dare corpo alla pasta della polenta raffreddata con della farina di grano, quindi formare delle pizzettine e friggerle. Servirle poi spolverate con zucchero semolato.

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *