Vini di Puglia
TAVOLIERE DELLE PUGLIE o TAVOLIERE DOP

La Denominazione di Origine Protetta “Tavoliere delle Puglie”, conosciuta anche come “Tavoliere”, prevede cinque tipologie di vini: Rosso, Rosso riserva, Rosato, Nero di Troia, Nero di Troia riserva.

Uvaggio

La produzione dei vini rossi, riserva e rosati della denominazione prevede l’utilizzo di uve provenienti da vigneti composti, per almeno il 65%, dal vitigno Nero di Troia. La percentuale sale invece al 90% nei vini con indicazione dello stesso vitigno in etichetta. In tutte le tipologie è comunque possibile, fino a completamento delle quote mancanti, utilizzare anche altri vitigni a bacca nera, non aromatici, idonei alla coltivazione in Puglia.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

Le caratteristiche organolettiche dei vini Tavoliere, puntualmente descritte all’interno del disciplinare, tipologia per tipologia, sono notevolmente influenzate dall’uso delle uve Nero di Troia. Questo vitigno, infatti, regala vini di buona struttura, equilibrati e persistenti. La colorazione è generalmente rosso rubino, con profondi riflessi violacei. Il profumo è intenso, con un ottimo bilanciamento tra note fruttate e speziate: more, ciliegie, prugne e fichi fioroni da una parte, pepe nero e chiodi di garofano dall’altra. La sensazione al palato è quella di un vino morbido e corposo, fine e impreziosito da un tannino elegante e maturo.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione si trova nella parte settentrionale della Puglia, in un’area composta di terreni prevalentemente limosi e argillosi.

Specificità e note storiche

Il vitigno Nero di Troia è caratteristico della Puglia, nonché uno dei più antichi della zona. Le sue origini sono discusse. Secondo la ricostruzione più fantasiosa proviene proprio dalla storica città Asiatica, protagonista del poema omerico. Più credibile, invece, la pista albanese, che porta alla città di Cruja. Ma la soluzione più semplice, e probabilmente veritiera, è quella che lo descrive come un vitigno autoctono pugliese, sviluppatosi nella cittadina omonima.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE TAVOLIERE DELLE PUGLIE o TAVOLIERE DOP

Vini di Puglia
ROSSO DI CERIGNOLA DOP

Il Rosso di Cerignola ha un colore che spazia dal rubino, con diversi livelli di intensità, al mattone (a seguito di invecchiamento). L’odore che rilascia è alcolico, vinoso e gradevole e al palato risulta asciutto, sapido, di buon corpo, armonico e giustamente tannico, impreziosito da un gradevole retrogusto amarognolo. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo…

Leggi di +

Vini di Puglia
GRAVINA DOP

Il Bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11% vol.) è giallo paglierino, con tendenza al verdolino, accompagnato da odore caratteristico e gradevole e sapore secco o amabile, fresco, sapido, armonico, delicato e talvolta lievemente vivace. Il Rosato (11% vol.) ha tonalità brillante, con odore caratteristico, gradevole e fruttato, e sapore secco, fresco, sapido, minerale, armonico…

Leggi di +

Vini di Puglia
CACC’E MMITTE DI LUCERA DOP

Il Cacc’e Mmitte di Lucera è un vino rosso estremamente equilibrato, che si manifesta con una tonalità rubino, più o meno carica, a seconda delle produzioni. L’odore è caratteristico e intenso, mentre il sapore, asciutto e pieno, si distingue per armonia e per la presenza di un peculiare retrogusto. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.