Vini di Lombardia
SEBINO IGP

L’Iindicazione Geografica Protetta “Sebino” identifica vini bianchi, rossi, novelli, passiti e con il nome dei vitigni Chardonnay, Pinot bianco, Pinot nero, Cabernet sauvignon, Cabernet franc, Merlot, Carmenere, Nebbiolo, Barbera.

Sebino IGP

Uvaggio

Per la produzione di vini ad IGP “Sebino” devono essere utilizzati vitigni idonei alla coltivazione in Lombardia. In caso di specificazione dei vitigni Chardonnay, Pinot bianco, Pinot nero, Cabernet sauvignon, Cabernet franc, Merlot, Carmenere, Nebbiolo e Barbera, è obbligatorio l’utilizzo dei medesimi per almeno l’85%, mentre il restante 15% può essere ottenuto da altro vitigno idoneo alla coltivazione in Lombardia.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

Il bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11% vol.) si presenta color giallo paglierino, abbinato a profumo delicato, caratteristico e gusto asciutto, armonico. La tipologia rosso (11% vol.) si caratterizza per il color rosso rubino più o meno intenso, il profumo caratteristico con sfumature fruttate o erbacee, il sapore asciutto, armonico. Il novello (11% vol.) si distingue per il colore rosso con riflessi violacei, l’odore fresco, floreale e il sapore morbido, tipico. Il passito (14% vol.), infine, ha color giallo dorato più o meno intenso, accompagnato da profumo caratteristico, intenso e gusto dolce, pieno, tipico.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione è delimitata a est dalle colline rocciose e moreniche di Rodengo Saiano, Ome, Gussago, a nord dalle sponde meridionali del Lago d’Iseo e dalle ultime Alpi Retiche, a ovest dal fiume Oglio e infine a sud dai confini meridionali dei comuni a sud del Monte Orfano.

Specificità e note storiche

Gabriele Archetti, nella sua opera “Vigne e vino nel Medioevo (secoli X-XV)”, racconta diffusamente l’attività vinicola nell’area dall’epoca romana al Rinascimento.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE vino SEBINO IGP

Vini di Lombardia
LUGANA DOP

Il Bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11% vol.) e le varianti Superiore e Riserva (12% vol.) presentano peculiarità simili. L’aspetto è paglierino (anche verdolino nel superiore) e con l’invecchiamento tende al dorato. Il profumo è caratteristico, delicato e gradevole, abbinato a un sapore fresco (nella versione base), morbido, armonico, che spazia dal secco all’abboccato….

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *