Vini di Lombardia
SAN MARTINO DELLA BATTAGLIA DOP

“San Martino della Battaglia” è una denominazione di origine protetta che identifica una determinata tipologia di vino bianco e la sua variante liquorosa.

San Martino della Battaglia DOP

Uvaggio

Per la vinificazione dei vini San Martino della Battaglia è prescritto l’utilizzo di uve provenienti da vigneti composti, per almeno l’80% da vitigno Tocai Friulano. Per la restante parte (massimo 20%) possono concorrere altri vitigni a bacca bianca non aromatici, idonei alla coltivazione nella provincia di Verona e nella regione Lombardia.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

Il vino bianco ha un aspetto giallo citrino che con l’affinamento tende al dorato; il profumo è caratteristico, intenso ed evoluto; al palato risulta fresco, secco e rotondo, con un leggero retrogusto di mandorla. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è di 11,5% vol. Il vino liquoroso (15% vol.), invece, si presenta giallo e tende ugualmente al dorato con l’affinamento; il profumo si conferma caratteristico e intenso; il sapore è generoso e armonico, vellutato, gradevolmente dolce e impreziosito da un leggero retrogusto di mandorla ed eventualmente, in caso di affinamento in botte, da un sentore di legno.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione si estende a cavallo delle province di Verona e Brescia, in un’area collinare posta al confine tra le colline moreniche e l’entroterra a sud del lago di Garda.

Specificità e note storiche

Il territorio dove nascono i vini San Martino della Battaglia ha una lunga tradizione vitivinicola. Per secoli l’attività della zona è stata legata alla produzione del Lugana. La poca predisposizione dei terreni verso questa tipologia di vino, però, ha fatto sì che la vinificazione non raggiungesse mai livelli di eccellenza. In anni recenti, quindi, si è scelto di puntare su un altro vitigno, il Tocai friulano, con risultati di pregio.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE vino SAN MARTINO DELLA BATTAGLIA DOP

Vini di Lombardia
OLTREPÒ PAVESE PINOT GRIGIO DOP

I vini Oltrepò Pavese Pinot grigio si caratterizzano per una tonalità paglierina, dall’intensità variabile, che può virare verso un giallo leggermente ramato. L’odore è caratteristico e fruttato, mentre al palato risultano freschi, sapidi e gradevoli. Nella variante Frizzante si riscontra una maggiore vivacità di gusto, sottolineata anche dalla presenza di una spuma evanescente. In entrambe…

Leggi di +

Vini di Lombardia
GARDA COLLI MANTOVANI DOP

Il vino bianco ha un aspetto giallo paglierino, con odore delicato e caratteristico e sapore asciutto, sapido e armonico. Il rosso, invece, spicca per la sua tonalità rubino, che invecchiando tende al cerasuolo; ha un odore vinoso delicato e gradevole che si abbina a un sapore asciutto, armonico e leggermente amarognolo. Nel rosato la colorazione…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.