Coprire la metà dei nostri edifici con tetti verdi sposterebbe l’Earth Overshoot Day di 1,6 giorni.

Qual’è la soluzione?
I tetti verdi comportano la copertura degli edifici con vegetazione viva per mantenerli freschi e trattenere (o anche pulire!) l’acqua.

Come funziona #MoveTheDate?
I tetti verdi riducono la quantità di energia necessaria per il riscaldamento e il raffreddamento fornendo un migliore isolamento, riducendo le fluttuazioni termiche sulla superficie del tetto e attraverso il raffreddamento per evaporazione. Oltre a ridurre il consumo energetico, i tetti verdi possono aumentare la ritenzione di acqua piovana e migliorare la biodiversità.

Come è scalabile?
La maggior parte degli edifici non ha tetti verdi, quindi ci sono opportunità significative per implementare questa soluzione. Sebbene i tetti verdi abbiano costi di installazione iniziali elevati, si ammortizzano dopo 6-15 anni, a seconda del tipo di tetto.

I tetti verdi non sono una nuova invenzione. Storicamente, i vichinghi erano noti per coprire alcune delle loro case con corteccia di betulla ricoperta di zolle, fornendo un migliore isolamento contro gli inverni freddi. Potrebbero non essere stati completamente impermeabili, poiché mancavano delle tecnologie a membrana disponibili oggi.

Tuttavia, i tetti di zolle della Scandinavia esistono da secoli e rimangono popolari oggi.

I tetti verdi non sono solo piacevoli alla vista; sono ottimi per ridurre il particolato e riducono significativamente le esigenze di raffreddamento, sia direttamente che indirettamente, riducendo l’effetto isola di calore delle città. Un altro vantaggio, poiché i tetti verdi assorbono l’acqua, è che aiutano a ridurre il deflusso delle acque piovane. (Non sono fattibili ovunque e funzionano solo in aree in cui l’acqua è abbondantemente disponibile, quindi non sono raccomandati per luoghi come Dubai o Marrakesh.)

Con la sede principale di Global Footprint Network a Oakland, dobbiamo ovviamente menzionare il Kaiser Roof Garden (celebrato anche su un sito di viaggi della CNN), che si estende su 1,4 ettari, e un po’ più lontano, il tetto della California Academy of Sciences a San Francisco coperto con 1,7 milioni di piante.

Nota: nella valutazione del potenziale dei tetti verdi, i nostri ricercatori hanno incluso solo i vantaggi di un maggiore isolamento e dell’effetto di raffreddamento che forniscono.

One Spadina Crescent

La ristrutturazione e l’ampliamento di One Spadina Crescent per la Facoltà di Architettura, Paesaggio e Design (DFALD) John H. Daniels dell’Università di Toronto incarna un approccio olistico al design sostenibile. Il progetto si è concentrato sul contesto della città e sui modelli di utilizzo dinamici nel tempo, invece di concentrarsi esclusivamente su quadri di accreditamento…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *