Vini di Lombardia
CELLATICA DOP

La Denominazione di Origine Protetta “Cellatica” comprende due tipologie di vini: Rosso e Rosso riserva.

Uvaggio

I vini Cellatica sono frutto di una composizione tra diversi uvaggi. Una quota minima del 30% proviene dal vitigno Marzemino ed un altro 30% almeno dal Barbera. Viene poi utilizzato un 10% minimo di Schiava gentile e un altro 10% di Incrocio terzi n.1. Infine, possono concorrere, fino ad un massimo del 10%, altri vitigni a bacca rossa non aromatici, idonei alla coltivazione in Lombardia.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

L’aspetto dei vini rossi Cellatica si caratterizza per un brillante colore rosso rubino. Il suo profumo è vinoso e tipico e si accompagna ad un sapore sapido e asciutto, impreziosita da un retrogusto lievemente amarognolo. Il titolo alcolometrico è di 11,50% vol. che sale a 12% vol. nella variante Riserva.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione ricade in un territorio collinare, con pendii piuttosto ripidi, situato a ovest di Brescia e coincide, in parte, con la Franciacorta.

Specificità e note storiche

La tradizione vitivinicola, nel territorio di Cellatica, ha un’importante ruolo di salvaguardia del territorio e l’armonia del paesaggio. Le sue radici sono antiche e una prima citazione si ritrova nelle opere di Andrea Bacci che, parlando della presenza della vite in nord Italia, menziona proprio i vitigni di Cellatica, come esempio di produzione di qualità.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE vino CELLATICA DOP

Vini di Lombardia
LAMBRUSCO MANTOVANO DOP

eventualmente impreziosito da una spuma frizzante ed evanescente. L’odore è vinoso e fruttato e a volte presenta sentori di viola o di ribes. Si abbina ad un gusto sapido e acidulo, che può essere asciutto o amabile. Il Lambrusco Mantovano rosato (10,5% vol.), invece, può presentarsi in diverse intensità di colorazione rosata, con la medesima…

Leggi di +

Vini di Lombardia
VALCAMONICA IGP

Il bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,50% vol.) si caratterizza per il color giallo paglierino con riflessi verdognoli, l’odore intenso, aromatico, fruttato e il gusto sottile, secco, caratteristico, sollecitato dall’acidità. Il bianco passito (14% vol.) si distingue per i riflessi dorati e il sapore dolce, morbido, fruttato. Il rosso (11,50% vol.) alla vista è…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *