Vini della Toscana
VIN SANTO DEL CHIANTI CLASSICO DOP

La denominazione di origine protetta “Vin Santo del Chianti Classico” comprende due tipologie di vini: base e Occhio di Pernice.

Uvaggio

La versione base è composta per almeno il 60% da Trebbiano Toscano e Malvasia, assoluti o congiunti; possono concorrere uve di vitigni a bacca bianca e rossa, idonei alla coltivazione per la regione Toscana, fino a un massimo del 40%. La versione Occhio di Pernice, invece, deve essere composta per almeno l’80% da Sangiovese; possono poi concorrere uve di vitigni a bacca bianca e rossa, idonei alla coltivazione per la regione Toscana, fino ad un massimo del 20%.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

Il “Vin Santo del Chianti classico”, sia base che Occhio di Pernice, hanno un tasso alcolometrico di 16% vol. La versione base presenta un colore giallo paglierino che può variare dal dorato all’ambrato, il profumo risulta etereo e intenso, il sapore invece va dal secco all’amabile, con una più pronunciata rotondità per il tipo amabile. La versione Occhio di Pernice invece, presenta un colore che va dal rosa intenso a quello pallido. L’odore è etereo e intenso, il sapore risulta dolce, morbido e vellutato.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione del “Vin Santo del Chianti classico” è un altipiano scavato con pendenze non prolungate ma talvolta ripide. Il suolo è generalmente poco profondo, recente e bruno, idoneo alla coltivazione.

Specificità e note storiche

La coltivazione vitivinicola, nella zona del “Vin Santo del Chianti Classico”, prende piede specialmente durante il Medioevo. La produzione del vinsanto inizia dal 1439 e arriva sino ai giorni nostri, regalandoci un prodotto di indubbio pregio.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE VIN SANTO DEL CHIANTI CLASSICO DOP

Vini della Toscana
SAN GIMIGNANO DOP

Dal punto di vista dell’aspetto, i vini rossi (vol. 12%) San Gimignano si presentano in una piacevole tonalità rubino, che l’invecchiamento fa virare verso il granato. Il rosato (vol. 11,5%), invece, ha una colorazione che può essere più o meno carica, mentre il Vinsanto (vol. 16,5%) va dal giallo paglierino al dorato (nella tipologia base)…

Leggi di +

Vini della Toscana
BIANCO DELL’EMPOLESE DOP

Il bianco (vol. 11%) ha un colore giallo paglierino più o meno intenso, l’odore è delicato, fine e caratteristico, il sapore è secco, armonico, fresco e delicato. Il Vin Santo invece (vol. 17%, di cui almeno vol 16% svolto) ha un colore dal dorato all’ambrato più o meno intenso, l’odore è intenso, etereo e caratteristico,…

Leggi di +

Vini della Toscana
CHIANTI CLASSICO DOP

ate. Il sapore è secco, fresco e asciutto, dotato di buona tannicità che, con l’invecchiamento, lo rende morbido e vellutato. Il titolo alcolometrico minimo è di 12,00% vol., che sale a 12,50% vol. nella tipologia Riserva e a 13,00% vol. nella tipologia Gran Selezione.

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.