Sasanello gravinese PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Puglia

Sasanèdd, sasaneddere, sasanìdde, sasanìdd.

I sasanelli sono dolci caserecci dal colore molto scuro che tutte le famiglie di medio e basso ceto preparavano in occasione delle feste o per i matrimoni. Sono dolci tipici della Murgia e specificatamente della zona di Gravina. A base di farina, zucchero, vincotto, buccia di limone ed arancia grattugiata, cannella, chiodi di garofano e cacao. In taluni casi si possono trovare ricoperti da un leggero strato di mandorle e uva sultanina.

Descrizione delle metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura: 

Porre in una terrina insieme:

  • Farina tipo 00 gr. 500
  • Semola rimacinata di grano duro gr. 500
  • Vincotto di fichi, o (cotto fichi) (1) gr. 300
  • Zucchero gr. 200
  • Olio extravergine di oliva pugliese gr. 100
  • Cacao gr. 90
  • Scorza di Arancia/Limone gr. 10
  • Uova unità 2
  • Agente lievitante gr. 25
  • Acqua q.b gr. 100
  • Cioccolato fondente gr. 300 gr
  • Cannella 1 pizzico
  • Chiodi di Garofano 1 pizzico

Vincotto fichi: Procedimento: lavaggio fichi; rompere in due ogni fico e porlo sul fuoco per la bollitura per circa mezz’ora; successivamente porre il contenuto in un sacco o (torchio), di seguito spremere tutto fino ad ottenere tutto il liquido contenuto e versarlo in una caldaia e cuocere a fuoco lento fino ad ottenere la densità voluta.

Procedimento: Porre in una terrina insieme il vincotto; lo zucchero, l’ olio EVO pugliese, il cacao, le uova, la scorza di arancia/limone, il cioccolato fondente e l’agente lievitante. Amalgamare bene il tutto, fino ad ottenere lo scioglimento totale dello zucchero, della scorza di arancia/limone, del cacao e dell’agente lievitante; infine aggiungere la farina e la semola rimacinata e circa 100 gr di acqua continuare a impastare fino ad ottenere un impasto liscio e morbido, quindi mettere l’impasto nelle teglie con un cucchiaio (misura rotonda di diametro che va da 4 cm a 15 cm). Lasciar cuocere per circa 10 minuti a 200 gradi circa.

Elementi che comprovino che le metodiche siano state praticate in maniera omogenea e secondo regole tradizionali per un periodo non inferiore ai 25 anni

Bibliografia:

  • GRAVINA E LE SUE TRADIZIONI, scritto da Francesco Mastromatteo, ed. 1971
  • U CALARIDD, cucina Gravinese. Cultura, Tradizioni e Storia, ed. 1997
  • SAPORI E PROFUMI DEI TEMPI PASSATI, Cento Ricette, Spezie e Rosoli, di Michele Erriquez, ed. 2002
  • Articolo tratto da “La Gazzetta del Mezzogiorno” del 29 agosto 2010 “Cose da fare e da vedere” di M. Pizzillo

Territorio

Provincia di Bari, in particolare il comune di Gravina di Puglia

Olive fritte PAT

Le Olive dolci fritte, in dialetto “Auui’ sfritt”, sono una tipica ricetta autunnale pugliese, semplice, veloce e molto gustosa. Olive, aglio e ottimo olio extravergine di oliva sono gli ingredienti principali. La varietà di olive adatta a questa ricetta sono le olive nere dette “Olive Nolche” meglio note come “Olive Dolci”. Sono le prime a…

Leggi di +

Friselle di orzo e grano PAT

Pane per lunga conservazione, biscottato da coloro crema (frise di grano) a marroncino chiaro (frise di orzo), hanno forma di dischi dello spessore di 2-4 cm e diametro di 8 – 15 cm. I materiali base sono: farina 00, per le frise di grano; farina di orzo per le frise di orzo. L’impasto con acqua e…

Leggi di +

Scarcelle PAT

Biscotto dolce di varie forme (ciambelle, cestini, colombe, coniglietti, trecce, ecc.) con la presenza di un uovo sodo incastonato. Può essere decorato con confettini di zucchero, codette colorate o può essere ricoperto con una glassa a base di zucchero.

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *