Pomodoro fiaschello di Battipaglia PAT Campania

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Campania

Forma della bacca stretta al colletto per poi allargarsi alla parte distale, da cui il nome; colore rosso intenso a maturazione, lunghezza della bacca 7-8 cm, peso compreso fra i 45 ed i 65 grammi. Il frutto ha duplice attitudine, sia per il consumo fresco che per la trasformazione industriale.

Descrizione delle metodiche di lavorazione, condizionamento, stagionatura

La forma di allevamento prevalente, dato l’habitus della varietà, è in verticale con tutori verticali e fili orizzontali; oltre alle normali pratiche colturali, vengono eseguite, a mano, la sfemminellatura, la cimatura apicale, la sfogliatura e la cimatura del palco fiorale con riduzione del numero delle bacche. La raccolta avviene fra metà luglio e metà settembre, in modo scalare. La resa media è di 700-750 qli/ha; la resa industriale è circa dell’80%.

Osservazioni sulla tradizionalità

Il pomodoro fiaschello è stato introdotto da Napoli agli inizi del ‘900 ed è stato coltivato in mopdo intensivo negli anni dal 1940 al 1980, per l’industria conserviera del polo nocerino-sarnese, per poi essere soppiantato dagli ibridi moderni per l’industria.

Territorio di produzione

Comuni della Piana del Sele: Battipaglia, Bellizzi, Capaccio, Albanella, Altavilla Silentina, Eboli, Montecorvino Pugliano, Pontecagnano, in provincia di Salerno.

Caciocavallo irpino di grotta PAT Campania

Se poco stagionato ha un delicato profumo di latte, con il protrarsi della stagionatura spicca l’odore di erba-fieno. Al gusto, soprattutto con il protrarsi della stagionatura, escono fuori tutte le caratteristiche organolettiche: sentori di erba sfalciata, di fiori amari, di vaniglia e spezie e talvolta leggermente piccante. Dopo una prima asciugatura, che può avvenire in…

Continua a leggere

Melata di fichi del casertano PAT Campania

La mielata di fichi veniva usata al posto del miele già nel III secolo a.C. e nel II d.C. dalle classi romane meno abbienti. Resti di questo prodotto sono state scoperti in barattoli negli scavi di Ercolano e Pompei distrutte dall’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. Nei loro trattati ne parlano Apicio, Columella, Plinio il…

Continua a leggere

Peperoncino friariello napoletano PAT Campania

La raccolta viene effettuata e mano, i frutti vengo sistemati per la vendita diretta in cassette di legno e/o di plastica. Il peperone è stato introdotto in Europa da Cristoforo Colombo che lo portò dalle Americhe col suo secondo viaggio, nel 1493. A seguito dell’opera di selezione da parte degli agricoltori probabilmente furono selezionati peperoni…

Continua a leggere

Diventa anche tu ViVi Greeners Conosci il Pomodoro cannellino flegreo prodotto Campano?
Aiutaci nel nostro progetto, se hai curiosità, immagini o vuoi aggiungere una descrizione del prodotto.
SCRIVICI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *