Pomodorino giallo costoluto di Castronuovo di Sant’Andrea PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Basilicata

Coltivazione di antiche varietà di ortaggi. I caratteristici pomodorini rossi e gialli di Castronuovo di Sant’Andrea, iscritti di recente, grazie al lavoro di caratterizzazione avviato dall’ALSIA “Pollino”, nel registro dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della Basilicata (PAT). Oggi coltiva anche altre varietà antiche, attualmente in attesa di riconoscimento, co

Pomodorino costoluto di Castronuovo di Sant’Andrea

Il Pomodorino giallo costoluto di Castronuovo di Sant’Andrea (PZ) fa parte della cultura alimentare del piccolo borgo. Per anni ha rappresentato l’elemento insostituibile delle frugali cene contadine

Tipico della Valle del Serrapotamo, viene raccolto in mazzetti, i cosiddetti mazz’ tiell’, con l’ausilio di spago in iuta, canapa o stelo di ginestra. La raccolta avviene nella prima mattinata con la fase di “insertatura” entro la giornata. Le bacche che costituiscono il grappolo sono di colore verde–giallognola. La tecnica di “insertatura” consiste nel predisporre un filo lungo circa 50 cm, retto ad un capo dalla bocca all’altro dalla mano sinistra; sul filo così teso i grappoli vengono posati con grande perizia dalla mano destra l’uno a fianco all’altro. Un gesto antichissimo quanto familiare che continua a tramandarsi nel tempo e che ancora oggi a Castronuovo  di Sant’Andrea è pratica comune.

Non c’è abitazione, in cui uno di questi mazz’ tiell’ non faccia bella mostra di sé, appeso a travi di legno o allo stipite della porta, quasi ad invitare alla convivialità chi passa.

La raccolta dei pomodorini avviene a inizio settembre e possono essere consumati durante  tutto l’inverno fino alla fine della primavera. Vengono utilizzati prevalentemente per la preparazione della così detta insalata gialla e rossa di Castronuovo di Sant’Andrea. “Era la cena usuale del popolo meno abbiente consumata di solito nel periodo invernale- ricorda nella relazione storica Francesco Bulfaro- insaporita dall’aggiunta di qualche peperone bianco secco arrostito, di uno spicchio d’aglio e di abbondante olio novello. Talvolta la frugalità di tale cena veniva, per così dire, arricchita da pezzetti di baccalà arrostito, cipolla e/o olive secche”. In tempi più recenti i pomodorini gialli sono spesso accompagnati da rucola e tonno e sono usati anche come sugo per condire la pasta. Ultima arrivata è l’insalata di pomodorini gialli arrostiti, conditi con un filo d’olio e un pizzico di sale.

Fonte www.alsia.it

Fagiolo di Muro Lucano PAT

Il fagiolo è un prodotto storicamente legato alla cultura e alla cucina di Muro lucano, confermato dalla memoria storica di anziani agricoltori della zona attraverso fatti e proverbi. Secondo la tradizione contadina, i fagioli si cucinavano esclusivamente nelle pignate di terracotta; si adagiavano accanto al focolare e si lasciavano ore ed ore a bollire, avendo…

Continua a leggere

‘Ncandarata PAT

Si prendono le estremità del maiale: orecchie, coda, muso, zampe.
Dopo averle accuratamente lavate e depilate, anche con una leggera bruciatura alla fiamma, si dispongono in un vaso di terracotta alternate a strati d sale a grana grossa. Successivamente si pone su di esse un disco di legno dello stesso diametro della bocca del vaso…

Continua a leggere

‘Ncandarata PAT

L’agnello delle Dolomiti Lucane è dotato di uno speciale “marchio” denominato esattamente “Agnello delle Dolomiti Lucane” che ne specifica la tipicità. Detto “marchio” nasce in virtù di garantire al consumatore l’origine della carne. Per rafforzare ancora di più le garanzie dovute al consumatore, l’agnello delle Dolomiti Lucane si fregia altresì di un altro marchio denominato…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.