Pasticciotto PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Puglia

Dolce tipico salentino composto da una pasta frolla farcita di crema pasticcera e cotto in forno.

La pasta frolla: farina per biscotto, zucchero, strutto, uova, bicarbonato di ammonio, vaniglia.

Metodo di lavorazione: disporre a fontana la farina, mettere al centro lo zucchero, le uova e gli aromi, mescolarli insieme fino ad ottenere un composto cremoso senza intaccare la farina ; aggiungere lo strutto e mescolare insieme molto delicatamente. Di seguito ammucchiare sopra la farina e con movimenti energici delle mani impastare il tutto sino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. Riporre in frigo e far riposare per una notte.

Crema pasticcera: Latte, zucchero, farina tuorlo d’uovo, vaniglia, buccia di limone non trattato proveniente da coltivazione locale.

Metodo di lavorazione: Far bollire il latte con metà dello zucchero insieme alla vaniglia e la buccia di limone. In una pentola di rame mettere la farina, lo zucchero e mescolare insieme con cura,aggiungere i tuorli e lentamente iniziare ad aggiungere il latte precedentemente bollito. Mescolare il tutto con cura e riportare ad ebollizione. Raggiunta la cottura, disporre la crema in una pentola larga affinché la temperatura possa scendere rapidamente e conservare le caratteristiche del prodotto. Una volta raggiunta la temperatura di conservazione, riporre in frigo a +4°C.

La mattina seguente prendere la pasta frolla e temperarla per renderla malleabile. Allungare un pezzo e sezionare in pezzi sufficienti a coprire la formina in banda stagnolata ovale. Mettere all’interno la crema pasticcera con l’apposita sacca , e coprire il tutto con un altro strato di pasta frolla. Con la pressione delle dita dare la forma caratteristica di cupoletta. Pennellare il tutto con un uovo leggermente sbattuto. Infornare il tutto a temperatura elevata sino alla cottura che ci darà un prodotto friabile e dorato.

Elementi che comprovino che le metodiche siano state praticate in maniera omogenea e secondo regole tradizionali per un periodo non inferiore ai 25 anni

La tradizionalità del prodotto è assicurata dalla provenienza locale delle materie prime, dalla produzione che avviene secondo tradizioni familiari e dalle caratteristiche qualitative e dalla particolarità del gusto;

Territorio

Provincia di Lecce.

Prosciutto di Faeto PAT

Il crudo di Faeto è ottenuto dal quarto posteriore (peso: 9–12 kg) del suino a seguito di salatura a secco e successiva pressatura con pietra naturale. Dopo una prima fase di stagionatura (della durata di circa 4 mesi) il prosciutto viene “sugnato”, ossia farcito con strutto, farina e pepe; dopodiché ha inizio la seconda fase di…

Leggi di +

Dolcetto della sposa PAT Puglia

La pasta di mandorle “pasta reale” Salentina è tra le più rinomate al mondo perchè viene usata una mandorla ricca di olii essenziali che rende il dolce gustoso profumato e morbido. I dolcetti della sposa un dolce prelibato e antico che venivano serviti nei rinfreschi dei matrimoni e regalate a parenti e vicini di casa…

Leggi di +

Tortarello PAT

Il tortarello (C. melo L. subsp. melo var. flexuosus L. Naudin), come il carosello e il barattiere, è una cucurbitacee appartenenti alla specie Cucumis melo L.; è diffuso su tutto il territorio pugliese e i frutti sono consumati immaturi, crudi in insalata o per accompagnare primi piatti. Le popolazioni di tortarello sono ritenute estremamente interessanti, perché rappresenterebbero la traccia di antiche cultivar…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *