Pane di Pasqua di Borgopace PAT Marche

Prodotto Agroalimentare Tradizionale delle Marche

Il prodotto si presenta in forma di piccole pagnottelle, non molto differente da quello di uso quotidiano ma la presenza di un ingrediente insolito come lo zafferano gli dona un colore giallo diverso da quello tipico dei prodotti a base di uova. Inoltre questo tipo di pane viene, come vuole la tradizione, consumato nel periodo pasquale, addirittura anticamente era destinato alla prima colazione della mattina di Pasqua con le uova benedette.

Ingredienti: farina di grano tenero, lardo macinato, zafferano, pepe, acqua, lievito naturale, sale.

La farina viene impastata con il lievito stemperato in acqua tiepida, il lardo soffritto con gli altri ingredienti. Si lascia riposare l’impasto che va lavorato a lungo, fino a completare l’alzata. Successivamente si ricavano delle piccole pagnottelle che vengono incise sulla parte superiore a forma di croce. Si lascia lievitare ancora e si cuoce nel forno preventivamente riscaldato.

Tradizionalità

Riferimenti bibliografici

  • Picchi G., “L’atlante dei sapori: il Pane”, Insor, Franco Angeli, Milano 1995;
  • Pozzetto G., “La cucina del Montefeltro”, Franco Muzzio Ed. Padova, 1998;
  • Valentini V. “Tutti a tavola – le ricette della provincia pesarese”, Ed. Promoter

Territorio di Produzione

Nel Montefeltro, soprattutto nel comune di Borgopace in provincia di Pesaro e Urbino.

Crescia sotto la cenere, torta coi ovi PAT Marche

Si impastano gli ingredienti, “tirando” la sfoglia dello spessore di circa un centimetro e mezzo che si cuoce su un panaro di coccio fino alla formazione, in superficie e in ambo le parti, di una leggera pellicola. La crescia, la cui cottura deve essere ancora completata e migliorata, viene quindi riposta sul piano caldo del…

Continua a leggere

Spalletta PAT Marche

Ricerche effettuate direttamente sul luogo di produzione compravano che le metodiche di lavorazione sono state tramandate da generazione in generazione. La tradizione contadina testimonia l’antica produzione della spalletta, in quanto spesso in passato, per le precarie condizioni economiche della famiglia contadina, i prosciutti venivano barattati con il maiale da allevare per l’anno successivo e la…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *