Area Marina protetta Isole Egadi

Fonte e per approfondimento Area Marina Protetta Isole Egadi

Natura e Ambiente

L’Area Marina Protetta Isole Egadi, situata di fronte alla costa nord occidentale della Sicilia, è stata istituita con Decreto Ministeriale del 27 dicembre 1991 e nasce con la finalità della tutela degli habitat naturali, con particolare riferimento alla salvaguardia delle risorse marine e alla regolamentazione della pesca e alla necessità di conservare la biodiversità, in un ottica di sviluppo sostenibile. La riserva, con i suoi 53.992 ettari, oltre a essere la più grande d’Europa, presenta la caratteristica di essere il primo punto di arrivo per numerosi organismi marini, i cui movimenti sono spesso collegati con l’andamento della corrente atlantica. Tale flusso di acqua dall’oceano giunge in superficie in corrispondenza delle Egadi e assume notevole importanza, portando un carico biologico e modificando, poco a poco, la propria struttura termoalina, di salinità, plancton e ittiofauna. La riserva è suddivisa in quattro zone a differente livello di protezione e con diverse possibilità d’accesso e limitazioni nella fruibilità. 

L’istituzione della Amp, che segue come evoluzione naturale la determinazione della riserva marina, è stata decretata per tutelare il delicato e complesso sistema submarino presente nei “canyon” che separano le isole fra loro. L’isola di Marettimo, infatti, è separata da Favignana e Levanzo da uno stretto canale profondo 350 m.

Nelle Egadi è presente circa il 25% delle specie protette o vulnerabili del Mediterraneo, una biodiversità tra le più elevate del questo mare. Si pensi che al solo habitat a coralligeno sono associate 1.241 specie di invertebrati, 315 specie di macroalghe e 110 specie di pesci, tra queste ricordiamo foca monaca, tonno rosso, tartaruga marina, uccello delle tempeste, insieme a grandi pesci pelagici come tursiope (delfino costiero), stenella, capodoglio, varie specie di squali e mante, centinaia di specie di pesci. Da non dimenticare il bivalve Pinna nobilis, la Patella ferrugineal’Astroides calycularis, o habitat quali il coralligeno e il marciapiede a Vermeti, mini barriera corallina costruita dal mollusco gasteropode Dendropoma petraeum

La compresenza di fondali misti sabbia-roccia ha infatti determinato un ecosistema unico nel suo genere, dove le forti correnti costituiscono elemento di vitalità per i grandi predatori.

Favignana ad esempio i fondali sono sabbiosi: “terreno” ideale per una serie di rilevanze vegetazionali quali la posidonia e la pavonica, nota come coda di pavone.

I fondali dell’AMP ospitano la più grande e meglio conservata prateria di Posidonia oceanica del Mediterraneo (12.500 ettari). La Posidonia è una pianta acquatica che forma delle praterie sottomarine, svolgendo tre fondamentali funzioni ecologiche: area nursery per i giovanili degli organismi marini, barriera a protezione delle coste dall’erosione, eccezionale produzione di ossigeno e assorbimento di CO2

Uno dei punti di maggior interesse è certamente lo Scoglio Corrente, “spazzato” spesso da forti correnti: il fondale roccioso si alterna a banchi sabbiosi a Posidonia. A nord dello scoglio Palombo, su un fondale di 18 metri, si trova poi il relitto di una piccola nave mercantile, spesso visita di appassionati di snorkeling.

I turisti in vacanza alle Egadi potranno certamente approfittare per visitare a Favignana l’insenatura di Cala Rossa, che presenta fondali prettamente sabbiosi, più al largo sostituiti da fondali di sabbia-roccia ricoperti da Posidonia.

Nell’isola di Levanzo questa tipologia di fondale misto appare più chiaramente, grazie alla straordinaria trasparenza delle acque che permette alla luce di penetrare fino a grandi profondità. Nello specchio di mare antistante Capo Grosso, percorso da forti correnti, una successione di terrazze rocciose presentano una grande varietà di organismi animali e vegetali e già a 18 metri, tra i massi e nelle zone più in ombra, sono presenti gorgoniacei ed alghe verdi. Nelle zone più profonde sono comuni le aragoste, mentre tra le rocce e la Posidonia sono numerosi, in base al periodo, i molluschi cefalopodi come polipi e polpi.

Altra specie comune in questi fondali, come del resto in quelli delle altre isole, è la Pinna nobilis, il più grande mollusco bivalve del Mediterraneo, specie protetta in quanto a rischio di estinzione.

Infine vanno segnalate le stupende grotte sommerse e semisommerse di Marettimo, le cui pareti sono ricoperte da un gran numero di coloratissimi organismi costruttori delle barriere coralline. L’Area Marina Protetta è inoltre ricca di reperti archeologici, che possono essere osservati grazie agli svariati itinerari istituiti. 

Fonte e per approfondimento Area Marina Protetta Isole Egadi

Area Marina Protetta Riserva Naturale Statale ISOLA DI VENTOTENE e SANTO STEFANO

Ventotene presenta fondali caratterizzati da anfratti e recessi, favoriti anche dal processo erosivo che causa periodici smottamenti. Questa particolare morfologia, associata all’inaccessibilità da terra di lunghi tratti di costa, favorisce un’ecosistema particolare in cui si riscontra grande varietà di organismi bentonici. La presenza di grotte e di franate crea inoltre ambienti sciafili a bassa profondità…

Leggi di +

Area Marina protetta Secche della Meloria

Le Secche della Meloria rappresentano un’area di bassi fondali rocciosi in cui la parte di secca ha una estensione di 35-40 km-quadrati, con una forma ricorda circa quella di un triangolo equilatero dai vertici rivolti a Nord, a Sud ed il terzo ad Est verso il porto di Livorno (Bacci et al., 1969). La parte principale della…

Leggi di +

Area Marina Protetta di MIRAMARE nel GOLFO di TRIESTE

Istituita nel 1973 come Parco Marino in concessione demaniale dalla Capitaneria di Porto di Trieste al WWF Italia, la Riserva marina di Miramare nasce ufficialmente nel 1986 – la prima area marina protetta ad essere istituita in Italia insieme a quella di Ustica – con un decreto del Ministero dell’Ambiente che ha garantito la continuità della sua…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *