Oliva marinese PAT Campania

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Campania

La Marinese é una cultivar locale, diffusa in particolare nel territorio di Paternopoli e nei comuni limitrofi. La pianta ha un portamento assurgente ed una chioma espansa e folta, caratterizzata da vigoria media e produttività abbondante, costante negli anni. L’invaiatura é precoce ed i frutti di medie dimensioni. L’oliva Marinese, di dimensioni medie, ha forma ellissoidale con apice subconico, base arrotondata, talvolta leggermente rastremata ed un colore, alla raccolta, invaiato e nero violaceo; la cavità peduncolare é stretta, circolare, più o meno profonda e I’epicarpo pruinoso presenta numerose piccole lenticelle. La polpa interna é colorata di rosso vinoso intenso per cui, durante la molitura, le molazze assumono la stessa intensa colorazione.

Le olive raccolte vengono in parte fatte essiccare e messe in ampi vassoi dai bordi bassi chiamati “spase”, dove vengono condite con olio, origano ed aglio per essere consumate come stuzzichini. La raccolta, a mano, viene effettuata nel mese di ottobre e le olive vengono molite entro 2 giorni dalla raccolta. La resa al frantoio é del 15 – 16%.

Le olive Marinese sono le prime a maturare e ad essere raccolte anche perché fortemente soggette a cascola pre-raccolta e cadono facilmente al minimo scrollo. L’olio ottenuto dalla spremitura di queste olive, soprattutto da quelle raccolte precocemente, mostra un fruttato di oliva medio con note verdi di foglia, mela e mandorla; al gusto presenta toni di amaro e piccante accompagnati da tenui sensazioni di dolce. II complesso profilo aromatico ne consente un impiego versatile in cucina.

Territorio di produzione

Comuni di Sturno, Fontanarosa, Mirabella Eclano, Taurasi, Paternopoli, Sant’AngeIo aIl’Esca, Castelfranci, Montemarano, Castelvetere sul Calore (AV)

Melata di fichi del casertano PAT Campania

La mielata di fichi veniva usata al posto del miele già nel III secolo a.C. e nel II d.C. dalle classi romane meno abbienti. Resti di questo prodotto sono state scoperti in barattoli negli scavi di Ercolano e Pompei distrutte dall’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. Nei loro trattati ne parlano Apicio, Columella, Plinio il…

Continua a leggere

Tagliatelle all’acciaccata PAT

La tagliatella all’acciaccata é una pasta fresca fatta a mano e condita con un sugo a base di pomodorini, peperoni, aglio, olio extravergine d’oliva e basilico. II particolare bordo seghettato di queste tagliatelle ricce é realizzato con Io sperone, un antico arnese da cucina composto da un manico ed una rotella dentata, con cui la…

Continua a leggere

Salsiccia sotto sugna PAT Campania

In tutta la regione Campania, soprattutto nelle aree interne e rurali, è molto sviluppata la produzione di salsicce e soppressate con metodi di lavorazione tradizionali, anche leggermente affumicate. Per conservare a lungo gli insaccati ed evitare l’ossidazione delle carni, si usa il tradizionale metodo della conservazione sotto sugna in vasi di ceramica smaltata o di…

Continua a leggere

Diventa anche tu ViVi Greeners Conosci la Oliva marinese prodotto Campano?
Aiutaci nel nostro progetto, se hai curiosità, immagini o vuoi aggiungere una descrizione del prodotto.
SCRIVICI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *