Olio di Lentischio Ollu de stincini PAT Sardegna

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Sardegna

Olio alimentare ottenuto dalle bacche del lentischio.

TERRITORIO INTERESSATO ALLA PRODUZIONE: Il Territorio della provincia di Nuoro

In passato, la lavorazione veniva fatta in contenitori di rame stagnato detto “cradaxiu”, oggi si utilizzano contenitori in acciaio inox. Per la preparazione si fa bollire dell’acqua, si immergono le bacche di lentischio e si lascia bollire per circa 15 minuti. Trascorso questo tempo, travasare il tutto in una sacca robusta, detta “sa sacchitta de linu de aulla” ed eseguire la spremitura “cracadura” avendo l’accortezza di aggiungere ogni tanto dell’acqua. In passato si effettuava con i piedi o con una macina, simile a quella delle olive. Per utilizzare l’olio come condimento e nelle fritture, dopo la spremitura, si esegue la “sciammadura” per eliminare le impurità.

TRADIZIONALITÀ

Gli scritti e le memorie storiche comprovano che questa pratica di estrazione dell’olio dal lentischio, risale agli anni venti quando, subito dopo la prima guerra mondiale, tanto era il bisogno di approvvigionamento di oli alimentari.

Simbua frita cun satitzu PAT

Polenta di grano fritta con salsiccia secca. Sa simbua è un piatto rustico, che prevede l’utilizzo di ingredienti semplici e tipici della tradizione agropastorale del territorio di Villanovaforru. Ingredienti principali sono la semola grossa di grano duro, ciccioli di carne e lardo di maiale e salsiccia semi stagionata . Sa Simbua è anche definita “polenta…

Leggi di +

Coccoi de Fracca PAT

Si tratta di un insaccato di carne di maiale o di cinghiale che assume la forma di una lunga salsiccia di circa 120 cm. Il sapore è deciso, piccante, la consistenza, dopo la cottura, è uniformemente cremosa.

Leggi di +

Anicini, anicinus sorresus PAT

Gli anicini, conosciuti anche nel dialetto locale come “anicinus” o “anicinus sorresus”, sono dei tradizionali biscotti, tipici della Sardegna, dalla forma allungata e dal caratteristico gusto conferito dai semi dell’anice.

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *