L’Europa fa debuttare i treni passeggeri a idrogeno con spinta a zero emissioni di carbonio

– I treni percorreranno una linea regionale tra Buxtehude, fuori Amburgo, e la località balneare di Cuxhaven

Dopo un lungo periodo di prova su un binario di 123 chilometri (76 miglia) in Bassa Sassonia, in Germania, le operazioni commerciali inizieranno il prossimo marzo, secondo Carmen Schwabl, amministratore delegato dell’operatore ferroviario LNVG. I 14 treni passeggeri Coradia iLint di Alstom percorreranno una linea regionale tra Buxtehude, fuori Amburgo, e la località balneare di Cuxhaven.

Treno a Idrogeno H2

Alstom promuove da più di cinque anni treni che funzionano a celle a combustibile come alternativa ai motori diesel a emissioni di carbonio. Oltre al progetto tedesco, il secondo più grande fornitore di attrezzature ferroviarie al mondo ha vinto all’inizio di questo mese un ordine dalla ferrovia nazionale francese per un doppio treno idrogeno-elettrico e ha ottenuto altri contratti in Germania e in Italia.

Anche la sua rivale Siemens AG sta sviluppando treni a idrogeno e si stima che il mercato europeo crescerà fino a decine di miliardi di dollari nei prossimi anni, man mano che le norme sulle emissioni diventeranno più severe. Sebbene i pacchi batteria o le linee elettriche possano essere utilizzati anche per elettrificare i viaggi in treno e ridurre l’inquinamento, questa non è sempre una soluzione pratica a seconda del percorso.

I legislatori dell’Unione europea hanno raggiunto un accordo questa settimana per rendere legalmente vincolanti gli ambiziosi obiettivi climatici del blocco e si prevede che regole più severe influenzeranno le industrie che vanno dai trasporti alla produzione di energia. Le ferrovie della regione sono in media solo per il 54% circa elettrificate e gli operatori statali potrebbero dover affrontare maggiori pressioni per sostituire i motori inquinanti.

“L’Europa sarà sicuramente il mercato principale”, ha detto mercoledì l’amministratore delegato di Alstom Henri Poupart-Lafarge durante un webinar aziendale, citando Francia, Germania, Italia e Regno Unito come paesi con grandi flotte diesel. La fornitura di carburante e le infrastrutture devono essere ampliate, ha detto, ma “i treni sono pronti”.

Le prospettive di crescita dei treni a Idrogeno H2

Secondo gli analisti di Morgan Stanley, ci sono prospettive di crescita sostanziali per i treni a idrogeno in Europa. Stimano che entro la metà del secolo il settore potrebbe valere tra i 24 ei 48 miliardi di dollari. Entro il 2030, i treni alimentati a idrogeno potrebbero costituire uno su 10 di quelli non già elettrificati.

Alstom prevede che più di 5.000 treni passeggeri che viaggiano a diesel in Europa dovranno essere sostituiti intorno al 2035. Dice anche che un quarto di tutti i treni nella regione usa il carburante e dovrà ritirarsi intorno alla metà del secolo per raggiungere gli obiettivi climatici.

Le nazioni europee stanno già investendo denaro in sussidi per le aziende che sviluppano la tecnologia delle batterie e dell’idrogeno per i veicoli. Ciò potrebbe essere esteso anche all’industria ferroviaria per sostituire i motori dei treni diesel.

“Non compreremo più unità diesel”, ha detto Schwabl di LNVG durante il webinar. La ferrovia gestisce 126 treni alimentati a carburante ed è alla ricerca di alternative.

Assemblaggio e operazioni dei treni alimentati a idrogeno di Alstom SA

In Austria, lo scorso anno la ferrovia federale OBB ha testato il treno a idrogeno di Alstom vicino a Vienna e sta valutando il suo confronto con altri sistemi per la sostituzione del diesel, ha dichiarato il Chief Technical Officer Mark Topal Goekceli durante lo stesso forum.

“Per distanze più lunghe e aree in cui abbiamo bisogno di più energia, l’idrogeno ha un vantaggio”, ha detto. “Sembra che i treni in batteria potrebbero avere un vantaggio per brevi distanze, ma dobbiamo risolvere questo problema”.

I costi per un proprietario di un treno passeggeri regionale sono più economici quando è alimentato da batterie elettriche, seguito da diesel, idrogeno e quindi linee elettriche, secondo il gruppo di ricerca sull’energia pulita BloombergNEF. La scelta tra batterie o celle a combustibile per sostituire il diesel dipende da fattori come la lunghezza dei binari, la frequenza del servizio e il numero di fermate.

Il nucleare avanzato per bilanciare la domanda e offerta di energia

La soluzione è immagazzinare energia per quando è più necessaria, ed è qui che le tecnologie nucleari avanzate hanno un ruolo importante da svolgere. Queste innovazioni nucleari devono essere sviluppate in parallelo con una maggiore diffusione di energia eolica e solare, costruendo una base di energia sempre attiva e priva di carbonio che possa anche…

Leggi di +

4 tecnologie che stanno accelerando la rivoluzione dell’idrogeno verde

Il potenziale dell’idrogeno verde di bloccare l’intermittenza del solare e del vento mentre brucia come il gas naturale e funge da materia prima nei processi chimici industriali ha suscitato l’interesse di imprese, governi e investitori. L’idrogeno verde viene prodotto attraverso l’elettrolisi, un processo che separa l’acqua in idrogeno e ossigeno, utilizzando l’elettricità generata da fonti…

Leggi di +

Per approfondire l’argomento:

AUTOBUS AD IDROGENO

AUTO VEICOLI AD IDROGENO

STAZIONI DI SERVIZIO ad IDROGENO

APPLICAZIONI IN AVIAZIONE CIVILE

APPLICAZIONI MARITTIME DELL’IDROGENO

IDROGENO suo STOCCAGGIO

IDROGENO NELL’INDUSTRIA

ELETTROLISI

PRODUZIONE D’IDROGENO CON RINNOVABILI

STOCCAGGIO ENERGIA IN ECCESSO

Vedi anche @Hydrogen Europe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *