Crostate e Paste di visciole di Sezze PAT Lazio

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del LAZIO

Crostate e Paste di visciole di Sezze presentano la medesima forma ovale o tonda e si differenziano solo per le dimensioni. Gli ingredienti e la metodologia di preparazione sono i medesimi. Composte da uova, zucchero, strutto, buccia di limone grattugiato, farina e marmellata di visciole. Uniscono alla dolcezza della pasta frolla il gusto ricco, pungente e leggermente amaro della marmellata di visciole.

METODO DI PRODUZIONE

Si forma un impasto morbido con gli ingredienti (farina, uova, zucchero, strutto, buccia di limone grattugiata), si imburrano gli stampi e vi si pone la quantità di pasta necessaria ad ottenere le Crostate o le Paste, allargandola con le dita fino a coprire tutta la superficie dello stampo, quindi, si fa cadere all’interno di questo impasto una buona quantità di marmellata di visciole, si decora con striscioline di pasta, si spennella con uovo battuto e si mette in forno preriscaldato a 200°C per circa 30 minuti.

CENNI STORICI

Dolci tradizionalmente preparati in ambito domestico in occasione di particolari festività. La presenza di pasticcerie e forni artigianali locali, prevalentemente a conduzione familiare, ha permesso di valorizzare attraverso questa preparazione le visciole, produzione difusa a Sezze e nelle zone limitrofe in quanto praticamente spontanee nel distretto dei Lepini. L’impiego delle visciole nella preparazione di marmellate risale agli inizi del ‘900, quando cominciò a difondersi l’uso dello zucchero in cucina. Localmente la
marmellata di visciole viene denominata “amarascata” per via del suo sapore un po’ amarognolo.

Territorio di produzione

Sezze (LT)


Fagiolo gentile di Labro PAT del Lazio

Specie erbacea appartenente alla famiglia delle Papilionaceae, genere Phaseolus, specie P. Vulgaris L., entità sottospecifica ecotipo “fagiolo gentile”. La varietà è rampicante, caratterizzata da pianta a fusto volubile con radice fittonante,…

Continua a leggere
Salame del re PAT Lazio

Il Salame del Re, prodotto tradizionale nella Valle dell’Aniene e, in particolare, nel territorio di Subiaco, affonda le sue origini tra il ‘700 e l‘800, quando veniva prodotto esclusivamente per essere…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *