Cous cous di pesce PAT Sicilia

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Sicilia

Il cuscus di pesce alla trapanese è piatto d’influenza magrebina tra i più apprezzati e rinomati della cucina tradizionale siciliana. È un piatto di pesce popolare e povero, nato nelle case dei pescatori che avevano a disposizione solo pochi e semplici ingredienti per arricchire il pescato del giorno: semola di grano duro, aglioallorocipolla e olio di oliva.

Fish couscous is a typical meal of the province of Trapani, Sicily

Come si prepara il cuscus

La preparazione tradizionale è piuttosto lunga e laboriosa: si lavora con le mani la semola di grano duro con poca acqua fino a creare piccoli agglomerati che verranno poi cotti al vapore con una apposita pentola, chiamata cuscussiera. Come tutti i piatti tradizionali non esiste un’unica ricetta ma, ogni famiglia custodisce e tramanda gelosamente la propria: un rituale che si esegue ancora oggi.

Pulite i pesci da zuppa (scorfani, gallinella, ecc) o fateli pulire e sfilettare dal pescivendolo tenendo da parte le teste e lische. Mettete a bagno le vongole in una ciotola con acqua fredda, unite una manciata di sale grosso e fate riposare per 2-3 ore, cambiando l’acqua almeno 2-3 volte. Pulite le cozze, lavatele ripetutamente sotto l’acqua corrente, raschiate i gusci ed eliminate il bisso. Lavate i gamberitogliete il filamento nero sul dorso e tenete da parte i gusci e le teste. Eliminate le pinne dei calamari, staccate i tentacoli e togliete occhi e becco. Svuotate le sacche, eliminate la pellicina scura, lavateli e tagliateli ad anelli. Riducete i tentacoli a pezzi.

Sgocciolate le vongole e mettetele in una casseruola, unite 2 spicchi d’aglio spellati, 2-3 gambi di prezzemolo e 1 dl di vino, coprite e cuocete per circa 5 minuti. Scolate e fate aprire anche le cozze. Tenete da parte il liquido di cottura dei molluschi ben filtrato. Sgusciate metà dei molluschi.

3 Intanto trasferite i gusci e le teste dei gamberi in una pentola con le teste e le lische dei pesci. Aggiungete 1 litro d’acqua, 1 dl di vino, 1 costa di sedano, la carota e 1 cipolla puliti, 1 pizzico di sale e di peperoncino e 1 foglia di alloro. Portate a ebollizione e cuocete per 40 minuti. Filtrate il fumetto ottenuto, unite il liquido dei molluschi tenuto da parte e aggiungete il concentrato di pomodoro, 1 pizzico di paprica e lo zafferano. Tenete il brodo di pesce in caldo.

Fate appassire in una casseruola la cipolla rimasta e 1 spicchio d’aglio tritati con 4-5 cucchiai di olio evo. Rosolate i calamari e irrorate con 1 dl di fumetto preparato caldo. Cuocete per 40 minuti unendo un po’ di brodo di pesce, se necessario. Aggiungete i filetti di pesce tagliati a pezzi, le mandorle, sale e pepe e cuocete per 7-8 minuti. Aggiungete i gamberi e proseguite la cottura ancora per 1-2 minuti. Togliete dal fuoco la zuppa di pesce e tenetela in caldo.

Cuocete il cuscus secondo le istruzioni, utilizzando il fumetto di pesce al posto dell’acqua. Lasciatelo gonfiare, poi sgranatelo in un grande piatto. Riportate a bollore la zuppa, unite cozze e vongole, mescolate e fate insaporire per 1-2 minuti, poi cospargete con prezzemolo tritato; unite al cuscus la zuppa di pesce. Servite accompagnandolo, a parte, con il brodo di pesce rimasto.

Ricetta di salepepe.it

Territorio di Produzione: Trapani e Intera regione siciliana

Cavate PAT Sicilia

Primo piatto composto da farina, acqua e sale. Tutta la lavorazione è di tipo artigianale, appena pronte le cavate si fanno asciugare e sono subito pronte per la cottura.

Leggi di +

Cassatella di ceci PAT Sicilia

Dolce a forma di mezza luna, ottenuto da un impasto di farina di rimacino, ripieno di morbido purea di ceci, scaglie di cioccolato fondente, miele millefiori, cucuzzata, cannella in polvere, spolverato all’esterno con zucchero semolato e cannella in polvere.

Leggi di +

Sale Marino Naturale

L’estrazione del sale avviene nelle cosiddette saline. La salina di tipo tradizionale è costituita da quattro ordini di vasche: la “fridda” o vasca di prima entrata, il “vasu cultivu” o vasca evaporante, le “caure” o vasche evaporatrici, le “casseddi” o vasche salanti. Per favorire l’evaporazione e la concentrazione del cloruro di sodio le vasche diminuiscono…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *