Sicilia
LIMONE DELL’ETNA IGP

Le tecniche di coltivazione dei limoneti idonei a produrre i limoni denominati IGP “Limone dell’Etna” sono riconducibili a quelle tradizionalmente seguite nell’ambiente di coltivazione, miranti all’obiettivo di mantenere il giusto equilibrio vegeto-produttivo e di conseguenza assicurare l’ottenimento di produzioni di elevata qualità, come storicamente riconosciute dal consumatore. La densità di piantagione massima consentita è di 700 piante per ettaro. La raccolta dei frutti dalla pianta deve essere effettuata a mano quando i frutti si siano liberati dall’eventuale rugiada condensatasi durante la notte precedente, ed il loro distacco deve essere effettuato con l’ausilio di forbicine da raccolta per il taglio del peduncolo. La raccolta va fatta ad un livello di sviluppo dei frutti tale da garantire la buona qualità organolettica ed estetica degli stessi.

View More Sicilia
LIMONE DELL’ETNA IGP

PDF Disciplinare
Cappero delle Isole Eolie IGP

Il Cappero delle Isole Eolie deriva dalla lavorazione dei capperi e cucunci, rispettivamente boccioli fiorali e frutti, delle specie botanica “capparis spinosa”, subspecie “inermis”, inclusi i biotipi Nocellara, Nocella e Spinoso di Salina, coltivati nell’intero territorio amministrativo del Comune di Lipari comprendente le Isole di Lipari, Vulcano, Filicudi, Alicudi, Panarea, Stromboli, e dei comuni di Santa Marina Salina, Malfa e Leni nell’Isola di Salina, in provincia di Messina.

View More PDF Disciplinare
Cappero delle Isole Eolie IGP

Sicilia
CAPPERO DELLE ISOLE EOLIE IGP

La coltivazione del Cappero delle Isole Eolie può essere effettuata sia in coltura specializzata che in coltura promiscua. La propagazione deve avvenire per talea, al fine di tutelare il patrimonio genetico che nei secoli si è affrancato sul territorio. Le talee devono provenire da piante-madri identificate che abbiano manifestato nella fase vegetativa e produttiva tutto il potenziale genetico caratteristico del territorio.

View More Sicilia
CAPPERO DELLE ISOLE EOLIE IGP

Sicilia
SICILIA IGP olio EVO

Le olive sono coltivate con la metodologia tradizionale. La raccolta avviene dal 1° settembre al 30 gennaio e si realizza a mano o con l’aiuto di mezzi meccanici. Al più dopo 48 ore dalla raccolta, le olive sono sottoposte al procedimento di estrazione dell’olio. Le olive sono pulite da foglie e poi molite. La resa massima di olive in olio non può superare il 24%.

View More Sicilia
SICILIA IGP olio EVO

Sicilia
PESCA DI LEONFORTE IGP

La pesca può essere coltivata con tre modalità: convenzionale, integrata e biologica. Per ottenere un frutto di alta qualità, il terreno è coltivato solo con concimi organici ed è ammesso l’apporto di azoto per un limite massimo di 150 kg per ettaro. La forma di coltura, secondo quanto previsto dal disciplinare, dovrà garantire un’adatta esposizione ai raggi solari in tutte le parti della chioma per facilitare la distribuzione dei prodotti antiparassitari in maniera uniforme. La massima produzione per ettaro non deve superare le 25 tonnellate.

View More Sicilia
PESCA DI LEONFORTE IGP

PDF Disciplinare
LIMONE INTERDONATO DI MESSINA IGP

Il Limone Interdonato Messina IGP comprende le cultivar “Interdonato”, ibrido naturale tra un clone di cedro e un clone di limone, appartenente alla famiglia delle “Rutacee”, genere “Citrus” e specie “C. limon”. Quando è immesso al consumo, il Limone Interdonato è di dimensioni medio-grosse e il suo peso varia tra gli 80 e i 350 g.

View More PDF Disciplinare
LIMONE INTERDONATO DI MESSINA IGP

Sicilia
LIMONE INTERDONATO DI MESSINA IGP

Per la coltivazione dei limoni possono essere utilizzate le seguenti tecniche: integrata e biologica. La raccolta inizia il 1° settembre e termina il 15 aprile e viene effettuata a mano con il solo ausilio di forbici. La resa di prodotto fresco è compresa tra 80-130 kg/pianta.

View More Sicilia
LIMONE INTERDONATO DI MESSINA IGP