Caciotta mista ai bronzi PAT Lazio

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del LAZIO

Variante del Pecorino ai bronzi, la Caciotta mista ai bronzi è prodotta con latte misto ovi-vaccino (50% – 50%). Si tratta di un formaggio a pasta dura e grassa, di forma cilindrica, a scalzo. Presenta colore della pasta giallo paglierino. Il sapore va da leggermente salato a salato con lipolisi accentuata.

METODO DI PRODUZIONE

La Caciotta mista ai bronzi si ottiene dalla trasformazione del latte misto ovi-vaccino refrigerato a 4°C. Il latte, lavorato a crudo, o pastorizzato a 65°C per 20’ direttamente in caldaia e arricchito con i fermenti mesofili innestati alla temperatura di 41°C, coagula con caglio liquido di vitello inserito a 40°C, con tempo di coagulazione di 30 minuti. La cagliata, previa rottura nelle dimensioni di una nocciolina, viene lasciata riposare sotto siero per 10 minuti e messa in forma in stampi cilindrici con rapida pressatura e rivoltamenti. La salatura avviene a secco per 48 ore a temperatura ambiente con successiva fase di asciugatura per 7-15 giorni. Le Caciotte miste ai bronzi, massaggiate con olio e aceto, vengono poste a stagionare per 30 giorni in madie di legno in locale storico a temperatura ambiente e, in seguito, riposte, a taglio e non piatte, nei cosiddetti “bronzi” (contenitori tronco-conici di legno) e stagionate per ulteriori 45 giorni a temperatura ambiente. I “bronzi” vengono coperti con tovaglie di cotone o lino.

CENNI STORICI

La Caciotta mista ai bronzi è una variante relativamente moderna del Pecorino ai bronzi la cui produzione, tramandata di generazione in generazione, avviene da più di 25 anni. Risulta che, fin dal passato, al fine di salvaguardare il formaggio dall’eccessiva umidità ambientale, il casaro locale facesse ricorso alle madie di legno e ai cosiddetti “bronzi”(contenitori troco-conici in legno), per una migliore stagionatura.

Territorio di Produzione

Frosinone

Nocciola dei monti Cimini PAT Lazio

La Nocciola dei Monti Cimini è riferibile alla specie Corylus avellana cultivar “Tonda Gentile Romana”. Tale cultivar presenta guscio di medio spessore, subsferoidale con l’apice leggermente a punta; colore nocciola e scarsa lucentezza. Il seme è medio-piccolo, di forma variabile subsferoidale, colore molto vicino a quello del guscio, per lo più ricoperto di fibre. La nocciola “romana” o “tonda gentile romana” trae il suo nome dalla forma sferoidale, dall’aroma gradevole e dal luogo d’origine della sua produzione.

Continua a leggere

Pane casareccio di Lariano PAT Lazio

Il Pane casareccio di Lariano ha trovato larga dfifusione prima nella provincia di Roma, poi in tutto il territorio laziale, soprattutto nel dopoguerra. Gli operai che da Lariano e paesi limitrofi raggiungevano la capitale per lavorare, pranzavano con questo pane e lo regalavano anche agli altri operai. Degno di nota è il vecchio mulino perfettamente funzionante dove si può vedere l’antico procedimento della lavorazione del grano “a palmenti” e dove si possono trovare farine di vario tipo. Il Pane casareccio di Lariano si può apprezzare in occasione della Sagra del porcino, del pane e del vino, l’ultima domenica di settembre, a Lariano.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *