Brus da ricotta PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del PIEMONTE

Il Brus da Ricotta è una preparazione casearia a partire da ricotta, al momento del consumo si presenta con una consistenza di pasta omogenea o crema spalmabile, normalmente confezionata in piccoli contenitori di vetro. Il Brus da Ricotta è una variante del Brus e come quest’ultimo vanta una tradizione antichissima.

Certamente, la nascita di questo prodotto caseario, è legato alla storica necessità, sia di mantenere la ricotta nel tempo (come le ricotte stagionate o salate o affumicate), sia di recuperare ricotte fresche che non era possibile commercializzare a breve.

Il Brus da Ricotta è di norma prodotto a partire da ricotta di pecora ma può anche essere prodotto con ricotte vaccine o caprine. Una menzione particolare al Brus da Ricotta ottenuto esclusivamente da latte di pecora di razza Frabosana-Roaschina, per altro la zona di produzione insiste proprio nello stesso territorio di maggior diffusione di questa razza autoctona.

  • Dimensioni: normalmente vasetti in vetro di peso variabile da 50 a circa 300 g.
  • Crosta: non esiste crosta perché è un impasto stagionato di ricotta.
  • Pasta: bianco paglierino di consistenza fine o leggermente granulosa, spalmabile.
  • Sapore: dolce che richiama la ricotta oppure con maggiori intensità di gusto nelle preparazioni più stagionate.

Metodiche di lavorazione

Preparazione: partendo da ricotte con alcuni giorni di vita commerciale si puliscono da eventuali muffe superficiali e si mettono in un contenitore in plastica alimentare dove si impastano in modo da renderle una crema omogenea. Di norma alle ricotte “giovani” impastate si aggiunge un piccola porzione di Brus di ricotta che ha già raggiunto la stagionatura. Il contenitore si mantiene nel locale di stagionatura ad una temperatura di 8–10°C. Si aggiungono altre ricotte “giovani” sino a riempire il contenitore e si procede a rimescolare la massa per un periodo di tempo variabile di almeno 30–40 giorni. Dopo questo periodo il Brus di ricotta ha raggiunto un giusto grado di omogeneità e morbidezza da poter essere confezionato.

L’eventuale aggiunta di alcoolici (grappe o vino) normalmente non è previsto per il Brus di ricotta ma eventualmente è possibile aggiungere un piccola quota di latte per rendere più morbida la pasta.

ZONA DI PRODUZIONE

Comunità Montana “Gesso, Vermenagna” e Comunità Montana “Bisalta” in provincia di Cuneo nonché
nelle Valli di Lanzo in Provincia di Torino.

Bibliografia:

  • Giovanni e Pasquale Milone, Notizie delle Valli di Lanzo, Tip. Palatina, Torino, 1911
  • Giovanni Del Forno, I Formaggi Tipici del Piemonte e della Valle d’Aosta”, Edizioni EDA, 1981

Mele autoctone del Piemonte PAT

Fino alla prima metà del Novecento la melicoltura piemontese si diffonde soprattutto lungo le vallate alpine, nelle zone pedemontane e collinari. In seguito si espande anche in pianura affiancandosi alle tradizionali colture erbacee. In tale periodo e fino agli anni ’40 dello scorso secolo il Piemonte ha rivestito un ruolo di tutto rilievo nel contesto…

Leggi di +

CASTRATO BIELLESE PAT

Le pecore di razza Biellese sono allevate con il sistema transumante: in alpeggio per 5-6 mesi e nell’ovile in fondo valle o in pianura nel periodo invernale. Vi sono anche greggi nomadi che trascorrono il periodo estivo in montagna mentre nel periodo invernale utilizzano il sottobosco e il pascolo itinerante.

Leggi di +

Cipolla rossa Astigiana PAT

La pianta della Cipolla Rossa Artigiana raggiunge un’altezza di circa 50 cm. Ha un bulbo piriforme, caratteristico e peso di 200 g circa. Le brattee esterne assumono la classica colorazione rosso intensa ed i bulbi presentano una buona compattezza delle brattee tale da consentire un’agevole manipolazione del prodotto. Il gusto della Cipolla Rossa Astigiana è…

Leggi di +

Canestrelli PAT

È un dolce molto sottile, fragile e dalle forme irregolari dovute alla sua preparazione: si tratta di una cialda tonda dal color testa di moro a base di cioccolato. Si ritiene che la cialda originaria fosse già di colore scuro, nonostante il costo elevato del cacao. La ricetta base tradizionale comprende i seguenti ingredienti: farina…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *