Anisetta PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Puglia

L’anisetta è un liquore a base di anice verde (Pimpinella anisum) e il suo nome deriva proprio dalla pianta che ne è la principale aromatizzante. In puglia la produzione di questo liquore risale agli inizi del secolo scorso, in particolar modo nel Salento dove erano presenti numerose distillerie. Una di queste era la ditta “Nicola De Giorgi” (San Cesario di Lecce) ed il liquore che più la rese famosa fu proprio l’“Anisetta”, già prodotta sin dal 1919, tanto che nel 1920 il re Vittorio Emanuele III concesse alla Ditta De Giorgi il Brevetto della Real Casa (20 luglio 1920).

L’Anisetta per la distilleria De Giorgi era all’inizio un liquore in sperimentazione, dato che già producevano per la vendita all’ingrosso altri tipi di liquore come l’amaretto, l’anice, il nocino, il mandarinetto. Però Nicola De Giorgi dopo la fase di sperimentazione decise di iniziare a produrre e commercializzare l’Anisetta in un mercato di nicchia e questa scelta fu azzeccata, poiché il liquore della Casa De Giorgi riscosse molto successo, ottenendo numerosi riconoscimenti a esposizione e fiere del settore.

Nicola, intorno alla metà degli anni venti del Novecento, commissionò al noto disegnatore Luigi Bompard dei bozzetti per manifesti pubblicitari per poter fare pubblicità all’Anisetta: numerose testimonianze pubblicitarie sono presenti su periodi pugliesi negli anni ’20 del secolo scorso. Da quel momento la strada dell’Anisetta fu in discesa dato che invitarono Nicola De Giorgi a partecipare a numerose fiere ed esposizioni per presentare e far conoscere meglio l’Anisetta De Giorgi.

Altra importante realtà Salentina fu la distilleria Pistilli che, alla fine degli anni ’60, fu acquistata e gestita da Mario Cappello, proveniente da una famiglia di liquoristi. La Ditta Cappello inizia la sua attività come liquorificio nel 1949 con lo stabilimento ubicato a Lecce. Nel 1963, Mario Cappello, insieme al figlio Antonio, costruì l’attuale opificio a San Cesario (strada statale Lecce-Galatina) dove trasferì tutta la produzione di liquori.

Negli ultimi decenni la prestigiosa tradizione liquoristica salentina ha rischiato quasi di sparire ma è stata recentemente ripresa e viene portata avanti da alcune giovani dinamiche aziende; la tradizione vive anche in molte famiglie che spesso si tramandano di generazione in generazione l’affascinante arte dei liquori fatti in casa.

Cartellate PAT

Le cartellate al vincotto sono dolcetti friabili e croccanti. Si contraddistinguono per la presenza di bollicine sulla superficie dovute alla frittura della sfoglia, che viene accompagnata in fase di cottura dal vino bianco. Sebbene le cartellate siano comunemente indicate come dolci tipici pugliesi, non è raro mangiarne di simili anche in Basilicata (chiamate “crispedde”) e in Calabria (conosciute come “crispelle”)…

Leggi di +

Carciofo di San Ferdinando PAT

In particolare, è un carciofo del tipo senza spine ed è riconoscibile per la sua forma più ovale e meno rotonda, il colore è di un verde con sfumature viola e le sue foglie sono abbastanza coriacee e dure. Gli ortaggi hanno un profumo e un gusto intenso e vengono piantati nel mese di Luglio,…

Leggi di +

Ricotta forte PAT

La ricotta forte è di consistenza morbida, cremosa e spalmabile, di colore crema, il sapore è molto piccante e sapido, l’odore molto pungente, penetrante ma gradevole. Dopo qualche mese si separa in superficie uno strato oleoso di colore giallo. Si produce durante tutto l’anno, prevalentemente da ottobre a maggio.

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *