Vini delle Marche
CASTELLI DI JESI VERDICCHIO RISERVA DOP

Della Denominazione di Origine Protetta “Castelli di Jesi Verdicchio Riserva” fanno parte l’omonimo vino e la sua variante con specificazione “Classico”.

Uvaggio

La produzione di questo vino deve essere realizzata utilizzando, per almeno l’85%, uve provenienti dal vitigno Verdicchio. A queste vengono poi unite altre uve, raccolte in diversi vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione nelle Marche, purché in quantità non superiore al 15%.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

Al consumatore il vino Castelli di Jesi Verdicchio Riserva si presenta di colore giallo paglierino, con intensità variabile, che dopo 18 mesi di invecchiamento vira verso il giallo oro, con riflessi verdi. L’odore è delicato e caratteristico, che con il tempo acquisisce un profumo intenso di frutta matura con eleganti sentori di agrumi e note di miele. Il sapore è asciutto e armonico e disperde sul palato un gradevole retrogusto amarognolo. Se conservato in botti di legno, può arricchirsi di un sentore che richiama proprio questo materiale. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è pari al 12,50% vol.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione è compresa nei territori delle due province marchigiane di Ancona e Macerata. Occupa parte del bacino del fiume Esine, in un paesaggio collinare che dista circa 20 km dal mar Adriatico.

Specificità e note storiche

La tradizione vitivinicola marchigiana, e quindi anche la coltivazione del Verdicchio, deve le sue origini all’opera dei monaci che si stanziarono in questa zona, prima i benedettini e poi i camaldolesi. Un’esperienza cresciuta nel tempo, fino a quando, nel 1881, nella classifica effettuata dal Di Rovasenda, il Verdicchio fu dichiarato il vitigno italico più pregiato tra quelli a bacca bianca delle Marche.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE vino CASTELLI DI JESI VERDICCHIO RISERVA DOP

Vini delle Marche
VERDICCHIO DI MATELICA DOP

Il vino Verdicchio di Matelica (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,5% vol) e di colore giallo paglierino tenue, con odore delicato e caratteristico e un sapore asciutto e armonico, arricchito da un retrogusto gradevolmente amarognolo. Nella variante Passito (15% vol.) l’aspetto spazia dal giallo paglierino all’ambrato, con odore caratteristico, etereo e intenso e un sapore…

Leggi di +

Vini delle Marche
FALERIO DOP

Il Falerio, nella sua versione base, ha una tonalità giallo paglierino, più o meno tenue, a seconda delle produzioni. L’odore è lievemente profumato e il sapore secco, sapido, armonico e leggermente acidulo. Raggiunge una gradazione alcolica di 11,5% vol. Nella variante Pecorino, invece, la colorazione paglierina si arricchisce di riflessi verdognoli. Il sapore è caratteristico,…

Leggi di +

Vini delle Marche
ROSSO CÒNERO DOP

La colorazione rosso rubino intenso è uno degli elementi distintivi del vino Rosso Cònero, che si mostra strutturato e corposo. L’odore risulta piuttosto gradevole e vinoso, abbinato a un sapore sapido, armonico e asciutto. Quando è giovane è dotato di una tannicità pungente, che con l’invecchiamento si fa morbidezza piacevole. Discorso analogo per i profumi,…

Leggi di +

Vini delle Marche
BIANCHELLO DEL METAURO DOP

Il Bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,5% vol) ha un colore giallo paglierino, l’odore è delicato e caratteristico, il sapore è secco, fresco, armonico e gradevole. La versione superiore (12,5% vol), invece, ha un colore giallo paglierino, l’odore è delicato e caratteristico, il sapore è secco, fresco e armonico; lo spumante (11,5% vol) ha…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *