Vini del Lazio
TARQUINIA DOP

La Denominazione di Origine Protetta “Tarquinia” identifica tre tipologie di vini: Bianco, Rosso e Rosato. Il Rosso viene prodotto anche nelle tipologie amabile e novello mentre il Bianco è realizzato nelle varianti amabile e frizzante.

Uvaggio

Nella vinificazione del Tarquinia bianco si parte da uve provenienti da vigneti composti, per almeno il 50% da Trebbiano toscano, a cui si affiancano Malvasia di Candia e Malvasia del Lazio (massimo 35%) e altri vitigni a bacca bianca (escluso il Pinot grigio), idonei alla coltivazione nel Lazio, purché entro il massimo del 30% .Diversamente, per il Rosso sono richiesti Sangiovese e Montepulciano (congiuntamente almeno il 60%, ciascuno non meno del 25%), Cesanese (massimo 25%) e altri vitigni a bacca rossa, idonei alla coltivazione in regione (massimo 30%).

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

Tutti i vini Tarquinia bianchi (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,5% vol.) si presentano nella colorazione gialla paglierina, con diversi gradi di intensità. Al sapore risultano gradevoli e delicati, con l’aggiunta di elementi fruttati per il Bianco amabile e di tratti vinosi per il Bianco secco. Al palato, il Secco risulta pieno e armonico mentre il Frizzante è vivace, morbido e talvolta abboccato. La tonalità dei vini rossi spazia dal rubino al rosso intenso. L’odore è per tutti vinoso, con lievi elementi fruttati nel Novello e maggior gradevolezza nell’Amabile. Il sapore risulta sempre armonico, con alcune variazioni per tipologia: nel Secco (10,5% vol.) è anche sapido e di giusto corpo, nel Novello (11% vol.) è vinoso e talvolta vivace, mentre nell’Amabile (10,5% vol.) è più vellutato. Infine, il Rosato (10,5% vol.) è di colore rosa, con odore fruttato e gradevole e sapore fine, delicato e armonico.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione interessa, in parte, sia la provincia di Roma che quella di Viterbo e si estende lungo un territorio che coincide con la fascia costiera dell’agro romano e con il litorale laziale (centro – nord).

Specificità e note storiche

La viticoltura nella zona di Tarquinia ha sicuramente origini etrusche, come rivelano anche molte testimonianze storiche di autori latini.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE vino TARQUINIA DOP

Vini del Lazio
COLLI LANUVINI DOP

Il Bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11% vol) e Bianco Superiore (12% vol) si presentano con una colorazione giallo paglierino dall’intensità variabile. L’odore è vinoso, delicato e gradevole; il sapore secco o amabile, di giusto corpo, sapido, armonico e vellutato. Nella versione Spumante (12% vol), la tonalità rimane la medesima e sposa una spuma…

Leggi di +

Vini del Lazio
GENAZZANO DOP

I vini Genazzano presentano equilibrio e buona struttura, con un’acidità normale e un amaro poco percepibile. L’aspetto del Genazzano bianco è giallo paglierino, con intensità variabile, impreziosito da riflessi verdognoli. L’odore è delicato, più o meno fruttato a seconda delle produzioni, e si accompagna ad un sapore sapido, vivace, fresco e armonico. Il titolo alcolometrico…

Leggi di +

Vini del Lazio
CASTELLI ROMANI DOP

Il Castelli Romani bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,5% vol.) si presenta giallo paglierino, con intensità variabile. Ha un odore fruttato e intenso, abbinato ad un sapore fresco, armonico, secco a cui si aggiungono i caratteri frizzante e amabile delle relative varianti. Il Castelli Romani rosso (11% vol.), nelle sue differenti versioni, ha una…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *