Vini del Lazio
ROMA DOP

Nella Denominazione di Origine Protetta “Roma” rientrano i vini: Bianco (anche nella versione amabile), Rosso (anche nella versione amabile), Rosso riserva, Rosato, Romanella spumante, Malvasia puntinata e Bellone. Per i vini prodotti nella zona più antica è prevista anche la variante Classico, da cui è però escluso il Romanella spumante.

ROMA DOP

Uvaggio

Il Bianco e il Romanella spumante vengono prodotti a partire da uve provenienti da vigneti composti al 50% (minimo) dal vitigno Malvasia del Lazio, al 35% (minimo) da Bellone, Bombino, Greco bianco, Trebbiano giallo e/o Trebbiano verde, e al 15% (massimo) da eventuali altri vitigni a bacca bianca, idonei alla coltivazione nel Lazio. Discorso analogo anche per Rosso e Rosato, per i quali sono richiesti Montepulciano (minimo 50%), Cesanese comune, Cesanese di Affile, Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e Sirah (almeno il 35%, da soli o congiuntamente), insieme ad altri vitigni a bacca rossa (massimo 15%). Nei vini con indicazione di vitigno, invece, questo deve rappresentare l’85% delle uve totali e possono eventualmente concorrere altri vitigni a bacca analoga, identificati come sopra.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

I vini bianchi della denominazione hanno tutti una colorazione giallo paglierino, che può essere più o meno carica e talvolta arricchirsi di riflessi verdognoli. Sono freschi e armonici, impreziositi da note fruttate e floreali. Nei rossi, invece, si evidenzia una colorazione rubino che può virare al granato invecchiando e può essere venata da riflessi violacei. Hanno buona struttura, accompagnata da sentori fruttati che sfumano negli speziati e sapore secco, armonico e persistente. Maggiore leggerezza e freschezza si hanno nel Rosato, con odore delicato e fine e sapore secco, fresco, fruttato e sapido. Infine, il Romanella Spumante è impreziosito da un perlage fine ed evanescente; l’odore è fine ed evanescente; il sapore armonico e vivace, con gusto da brut a extradry. Ulteriori specifiche sulle caratteristiche organolettiche sono rintracciabili nel disciplinare.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione si trova nel Lazio centrale, in provincia di Roma.

Specificità e note storiche

La viticoltura romana, già presente fino dai primi anni di vita della città, è mutuata dagli Etruschi e ha conosciuto il suo perfezionamento a partire dal II secolo a.C.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE vino ROMA DOP

Vini del Lazio
MARINO DOP

La versione base del “Marino” (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,5% vol.) è di tonalità paglierina, con odore vinoso e delicato, accompagnato da un sentore fruttato; il sapore è armonico, vellutato e piacevolmente fruttato, con un possibile retrogusto amarognolo. Nel Superiore (12% vol.) l’odore si fa persistente ed è arricchito da eventuali sentori di legno….

Leggi di +

Vini del Lazio
FRASCATI SUPERIORE DOP

Il Frascati Superiore si presenta come un vino fresco ed equilibrato, di buona struttura. Ha una gradevole colorazione giallo paglierino, con intensità variabile. L’odore è intenso, abbinato ad un profumo caratteristico e delicato, con note floreali. Il sapore è secco e sapido, morbido e vellutato, con un’acidità normale e un retrogusto amaro poco percepibile. Il…

Leggi di +

Vini del Lazio
ORVIETO DOP

L’aspetto dei vini Orvieto, nella versione base (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,5% vol.), è giallo paglierino, più o meno intenso; l’odore si presenta delicato e gradevole e accompagna un sapore fine, impreziosito da un lieve retrogusto amarognolo, con gusto che può essere secco, abboccato, amabile o dolce. Le stesse caratteristiche organolettiche permangono anche nella…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *