Tortello di patate PAT Toscana

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Toscana

Tortello/Raviolo di patate alla mugellana, Raviolo di patate

I tortelli di patate sono dei quadratoni a forma di raviolo, morbidi, di colore giallo, con un ripieno di patate bollite, o comunque cotte, e formaggio. L’odore è quello della pasta fresca e il sapore quello delle patate. Del tortello di patate è nota una variante detta “alla casentinese”, diffusa prevalentemente nel territorio del Casentino. La differenza risiede nel ripieno che, oltre a patate cotte e formaggio, prevede: salsiccia o carne secca, concentrato di pomodoro, cipolla, aglio, olio EVO e peperoncino.

Il tortello fatto a mano prevede che farina, sale e uova vengono impastate sulla spianatoia di legno; la pasta viene poi stesa con il mattarello e dopo averla appiattita si taglia a strisce. Ogni pezzetto di pasta viene prima farcito con un ripieno di patate bollite e formaggio, poi si sovrappone un altro strato di pasta. Il raviolo cos formato viene chiuso a mano ai lati ed è pronto per essere bollito. Sono ingredienti facoltativi: prezzemolo, aglio, sale, pepe, noce moscata, uovo. Nella lavorazione a macchina, dopo aver preparato l’impasto la pasta viene laminata o trafilata. Segue la farcitura con il ripieno, la sovrapposizione di un altro strato di pasta, la chiusura al lati tramite pressatura e la formatura tramite taglio del tortello.

La lavorazione in serie (artigianale o industriale) può prevedere fasi di pastorizzazione, raffreddamento e asciugatura prima del confezionamento (anche in atmosfera protettiva). Trattandosi di un prodotto fresco senza additivi e senza conservanti, per incrementarne la conservazione viene proposto anche surgelato. C’è anche chi utilizza la semola o aggiunge ingredienti a base di latte o derivati. Nella variante “alla Casentinese” l’impasto è sottoposto a cottura (soffritto) prima di essere utilizzato come farcia.

Tradizionalità

Il tortello di patate deve la sua tradizionalità alla particolare combinazione degli ingredienti e ai sistemi di lavorazione, che sono rimasti gli stessi nel tempo. L’impiego di patate, inizialmente esclusivamente locali, per il ripieno conferisce una morbidezza ed un gusto molto apprezzati in zona. Viene prodotto da almeno 250 anni; si consuma come primo piatto con sugo di carne bovina o altra specie oppure con funghi, accompagnato da vini rossi robusti.

Produzione: Nel Mugello e nelle altre zone originarie del tortello di patate, alla diffusa produzione casalinga e dei ristoratori, si affianca la produzione di pastifici di varia dimensione, presenti nelle diverse province sopra indicate. Si stima una produzione complessiva di alcune migliaia di quintali all’anno. Viene venduto a ristoratori, direttamente a privati, a negozi locali, alla grande distribuzione e anche esportato. In primavera ed estate, si tengono numerose sagre legate al tortello di patate.

Territorio di produzione

Le province di Prato, Firenze (Mugello), Arezzo (alto Casentino, in particolare i comuni di Stia e Pratovecchio), Siena e Pistoia.

Mela “muso di bue” PAT Toscana

È una mela di forma allungata, a forma di “muso di bue”. Il frutto presenta un colore rosso con sfumature verdi ed un aspetto lucido. Le dimensioni sono modeste, la consistenza è compatta ed ha un sapore piuttosto aspro ma con retrogusto dolce. Questa mela viene tradizionalmente coltivata nelle zone di pascolo del comune di…

Leggi di +

China Massagli PAT Toscana

La china Massagli è un liquore ottenuto dalla macerazione di diverse erbe e radici, dal colore scuro ma limpido, gusto amarognolo, consistenza pastosa e aroma inconfondibile caratterizzato da un insieme armonico di sapori in cui nessuno prevale sull’altro.

Leggi di +

Torta di frutta secca PAT Toscana

Torta con base di pasta frolla, farcita con frutta secca (albicocche, prugne, fichi) ammorbidita in uno sciroppo con acqua di rose, e cosparsa di pinoli. Tutti i prodotti sono di origine locale. La frutta secca si può utilizzare, una volta fatta in estate, per tutto l’anno. Un disco di pasta frolla sorregge una farcia composta…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *