Tirulën PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del PIEMONTE

Il Tirulën è un biscotto di grandi dimensioni, rotondo e moderatamente spesso, dal gusto leggermente amarognolo. Il nome ricorda la antica modalità di preparazione, poiché dopo aver preparato la pasta se ne “tirano” dei pezzetti che arrotolati e cotti costituiscono il biscotto finito. Questi biscotti hanno una forma simile a medaglie tonde e, nonostante si abbinino a tutti i vini dolci, la tradizione vuole che siano accompagnati da un ottimo Barbera. Sono biscotti che si possono usare per qualsiasi colazione o merenda, e sono tipici di Isola d’Asti (Tirulën d’Isüla).

I Tirulën sono preparati con farina, zucchero, latte, burro, nocciole, scorza di limone grattugiata e lievito; hanno una superficie volutamente rugosa e irregolare. Hanno colore dorato e consistenza friabile.

Caratteristiche

  • Consistenza: omogenea, croccanti e friabili, superficie screpolata, alveolatura irregolare di medie dimensioni.
  • Odore: odore di burro leggero e persistente.
  • Colore: interno giallo, superficie dorata.
  • Sapore: dolce, leggermente amaro.
  • Dimensioni medie: biscotti rotondi regolari, diametro circa 7 cm, altezza quasi 1 cm, ogni biscotto pesa circa 12-14 g.

Metodiche di lavorazione

Gli ingredienti usati per la preparazione del Tirulën sono: farina 00, zucchero, latte, burro, nocciole tritate, lievito in polvere, buccia grattugiata di limone. La preparazione di questo dolce astigiano prevede che venga preparato un impasto, mettendo la farina a fontana ed immergendovi nel vulcano tutti gli altri ingredienti necessari. Si procede ad impastare fino ad ottenere un composto omogeneo. Se si vogliono fare i Tirulën alla moda antica, si strappano tanti gnocchetti quanti ne vengono dall’impasto e, dopo averli passati nello zucchero, si mettono in forno a 200 °C per una ventina di minuti. I pezzetti di pasta non devono essere schiacciati, poiché si allargano da soli sulla teglia. Dopo il raffreddamento sono pronti per il consumo.

ZONA DI PRODUZIONE

I Tirulën si producono a Isola d’Asti in provincia di Asti.

TRADIZIONALITÀ

I Tirulën hanno una ricetta che data dal 1948, quando furono prodotti per la prima volta da un pasticcere di Isola d’Asti; allora erano impastati a mano e cotti nel forno a legna. La tradizione produttiva continua con gli eredi dell’inventore. Da allora sono sempre stati prodotti, nel 1970 è nata la “Sagra del Tirulen e del Barbera”. Da allora questo biscotto è diventato il biscotto caratteristico di Isola.

Bibliografia

  • Mario Busso, Carlo Vischi, Dolce & Piemonte, Associazione Vignaioli Piemontesi, 2000, p. 62.
  • M. e R. Portalupi, Vecchio Piemonte A Tavola, Mariotti Publishing, Milano, 2001

Ramassin o Dalmassin PAT

Il Ramassin o Dalmassin è una varietà di susino autoctona, tipica del Piemonte sud-occidentale. Presenta un frutto ovale di dimensioni miniaturizzate che alla maturazione cade spontaneamente al suolo. Ramassin e Dalmassin sono varianti linguistiche piemontesi (quest’ultima propria del Monregalese) che corrispondono all’italiano Damaschine, susine di Damasco. La varietà è infatti attribuita alla specie Prunus domestica…

Leggi di +

Lardo PAT Piemonte

Il Lardo è la parte del grasso sottocutaneo della mezzena del suino, che rimane dopo aver asportato il guanciale e la pancetta. Si estende dalla regione cervicale alla regione del dorso e della groppa. Oltre alla frazione grassa, sono presenti anche venature costituite da fasci muscolari. La pezzatura è compresa tra i 2 ed i…

Leggi di +

Panettone basso glassato piemontese PAT

Il panettone basso glassato piemontese è considerato normalmente una derivazione del panettone milanese, almeno per quel che riguarda la composizione della pasta. La forma è però diversa, poiché invece di essere più alto che largo, è esattamente il contrario. Ma la differenza più importante riguarda la presenza di una crosta bruna sulla superficie, che, friabile…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *