Tarallo dell’Immacolata PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Puglia

Taradd, Taradd de la Maculòit.

Il tarallo dell’Immacolata è una variante del pane tipico dell’Alta Murgia, diffuso soprattutto nella zona di Gravina in Puglia.  Viene prodotto e consumato prevalentemente nel periodo Natalizio come sostituto del pane durante i pasti.

Descrizione delle metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura

Impastare la farina con lievito, sale, acqua calda, semi di finocchio e liquore. Dopo aver formato dei grandi taralli di quasi 300 gr l’uno, lasciar lievitare la pasta ben coperta per circa 1 ora. Dopo la lievitazione mettere in forno a 300 °C.

Elementi che comprovino che le metodiche siano state praticate in maniera omogenea e secondo regole tradizionali per un periodo non inferiore ai 25 anni

Nel libro “Gravina e le sue tradizioni” di Mastrogiacomo Francesco del 1973, a pag. 122 vi è una sezione dedicata ai piatti tipici della cultura gravinese. In questa sezione è presente anche “u taradde“.

Territorio

Provincia di Bari, in particolare a Gravina in Puglia

Farinella di Putignano PAT

La Farinella è un antico cibo dei nostri contadini e viene tutt’ora fatta con orzo e ceci sapientemente tostati e ridotti in farina integrale con l’aggiunta di un poco di sale. Originariamente però era fatta soltanto con l’orzo. Da alcune testimonianze certe, negli ultimi decenni del 1700 era usata anche quella ricavata dai ceci neri…

Leggi di +

Meloncella PAT

Melanzane intere o a pezzi sott’olio. Le melanzane lavate, intere o a pezzi vengono messi a bollire in aceto. A cottura ultimata si fanno asciugare, dopodichè si dispongono in vasetti di vetro, si coprono di olio d’oliva extra vergine e si aggiungono degli aromi come aglio,e/o peperoncino o menta, prezzemolo, ecc.

Leggi di +

Succiamele delle fave o sporchia PAT

L’orobanche o succiamele delle fave o sporchia (nome scientifico: Orobanche crenata Forsskal) è una pianta parassita obbligata, completamente priva di clorofilla, che si insedia e si sviluppa sulle radici di diverse leguminose provocando significative riduzione di produzione. La fava (Vicia faba L.) è una delle specie colpite su cui le orobanche riescono a raggiungere dimensioni notevoli. La parte…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.