Saldamirelli PAT Lazio

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del Lazio

Si tratta di un salume ottenuto dalla lavorazione dell’intestino tenue di suini locali alimentati a secco. Tipica la sua presentazione a lasagnette, speziate con finocchio. La forma è cilindrica e “sfettucciata”, colore rosso cupo screziato di bianco, sapore sapido ed aromatico.

METODO DI PRODUZIONE

I Saldamirelli si ottengono dalla lavorazione dell’intestino tenue di suini locali alimentati al pascolo e macellati al peso vivo di 130-150 Kg. La salatura, previo un ripetuto lavaggio con acqua corrente, viene effettuata a secco, unitamente al condimento con finocchio selvatico, seguita da esposizione all’aria invernale per una settimana. Segue l’asciugatura in camera calda a 19-20°C per 10 giorni e la stagionatura per un massimo di 10 giorni in camera fredda.

CENNI STORICI

Tradizionalmente viene ancora prodotto nei soli mesi invernali con suini alimentati a secco. Il processo di trasformazione è caratterizzato dalla scelta del sezionato e della sua presentazione finale, dalla salatura a secco all’esterno, in condizioni di freddo secco, dalla stufatura in camera calda e dalla breve stagionatura in camera fredda.

AREA DI PRODUZIONE

Rieti

Orzo perlato dell’Alto Lazio PAT Lazio

La presenza di coltivazioni cerealicole nell’Alto Lazio risale agli Etruschi che, dotati di un alto grado tecnico, mettono a coltura i fertili terreni della Valdilago. L’Orzo era considerato il grano degli Etruschi che lo usavano per preparare la famosa puls, una specie di polenta. I chicchi vestiti venivano tostati in forno per eliminare il rivestimento,…

Leggi di +

Lardo di San Nicola PAT Lazio

Il Lardo di San Nicola nasce da un’antica ricetta tramandata oralmente di padre in figlio. Non si conosce il periodo preciso al quale attribuire le origini di tale produzione. Nei racconti degli anziani del posto resta vivo il ricordo dei festeggiamenti in occasione dell’uccisione del maiale. C’è chi fa risalire la preparazione al primo Novecento;…

Leggi di +

Salsiccia corallina romana PAT Lazio

La Corallina romana, prende il nome dal tipo di budello impiegato per insaccare l’impasto, ossia dal corallo budello gentile, che rappresenta il primo tratto del colon. Deriva dalla trasformazione delle parti magre del costato e delle rifilature di spalla, prosciutto e lonza a cui viene aggiunta una quota del 20-25% di lardello. Può essere condito…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *