Pezzetta ‘e vino cuotto PAT Campania

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Campania

Dolci di forma romboidale, con altezza maggiore mediamente di 10 cm, altezza minore 6 cm, altezza 3 cm, gelatinoso ma molto consistente, di colore vinaccia molto scuro, esternamente con una crosta sottile e compatta. Sapore dolce, marcato, con retrogusto aspro riconducibile al mosto, profumo agrumato.

Descrizione delle metodiche di lavorazione, condizionamento, stagionatura

E’ un prodotto tipicamente stagionale, legato alla presenza del mosto; La sua preparazione coincide quindi con il tempo della vendemmia ed è a legata alla complessa ritualità che la contraddistingue nella tradizione contadina.

Oltre al mosto, vengono utilizzati altri ingredienti, reperibili nella stessa epoca:

  • Noci secche spezzettate in piccoli pezzi;
  • Mele annurche sbucciate e tagliate a pezzetti;
  • Mele cotogne sbucciate e tagliate a pezzetti;
  • Zucca sempre tagliata a pezzetti;
  • Bucce di mandarini verdi, utilizzati per aromatizzare il prodotto;
  • Semola di grano duro.

In sintesi la lavorazione della p’ezzetta è la seguente:

Il mosto ricavato dalla prima spremitura dell’uva viene fatto bollire per circa 3 o 4 ore in acciaio inox.

Osservazioni sulla tradizionalità

Continuando la cottura si immettono gli ingredienti in una precisa sequenza, legata al diverso tempo di cottura di ognuno: le noci; dopo circa 10 minuti la mela cotogna; dopo ulteriori 10 minuti, la mela annurca; dopo 5 minuti la zucca; infine, dopo 10 minuti, le bucce di mandarini. In seguito si comincia ad impastare il tutto con la semola versata poco per volta fino a far arrivare il composto alla giusta consistenza.

Il prodotto è legato al tempo della vendemmia, che rappresenta da tempo immemore, nel calendario rituali della tradizione contadina, uno dei momenti di celebrazione dell’identità delle comunità rurali.

La protrazione nel tempo delle regole produttive è attestata nell’area considerata da numerose testimonianze, sia bibliografiche che orali, e dallo svolgimento della Sagra della “P’zzetta ‘e Vin Cuott” a San Martino di Scisciano, che si svolge ormai da più di venti anni.

Territorio di produzione

Area occidentale vesuviana, e comuni del nolano, ed in particolare Scisciano, San Vitaliano, Marigliano, Somma Vesuviana, Pomigliano d’Arco, Casalnuovo di Napoli, Nola

Mantoppole di Montaperto PAT

La Mantoppola di Montaperto é un piatto tipico della tradizione culinaria dell’omonima frazione, nel comune di Montemiletto, in provincia di Avellino. La preparazione é legata alla festa del 20 settembre, giorno in cui Montaperto festeggia il suo patrono Sant’Eustachio. II piatto consiste in gustose polpette a base di pane raffermo spugnato, salsicce leggermente secche scamosciate,…

Continua a leggere

Olio extravergine di oliva Colline beneventane PAT Campania

In Campania la pratica della coltivazione dell’olivo risale ai Greci e ai Fenici, che diffusero l’uso dell’olio in tutti i territori colonizzati, come alimento e come ingrediente di unguenti e profumi. I Romani, poi, ne favorirono la coltivazione, soprattutto in provincia di Benevento, poiché Iuvat olea magnum vestire Taburnum cioè “conviene rivestire di oliveti il…

Continua a leggere

Mandarino comune vesuviano PAT Campania

Frutto di forma sferica poco schiacciata ai due poli, dimensioni fra i 5 e 9 cm; colore giallo arancio, profumo delicato e caratteristico; buccia sottile, ricca in olii essenziali, non attaccata agli spicchi, che presentano numerosi semi; il frutto ha dimensioni medie, la polpa è molto succosa, aromatica e dolce. La maturazione cade nel mese…

Continua a leggere

Diventa anche tu ViVi Greeners Conosci la Pezzetta ‘e vino cuotto prodotti Campani?
Aiutaci nel nostro progetto, se hai curiosità, immagini o vuoi aggiungere una descrizione del prodotto.
SCRIVICI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.