PAT Provincia di TRENTO

Elenco Nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali Italiani

(PAT) PROVINCIA DI TRENTO

Strudel di Mele

Dai formaggi alle mele, dai salumi alla pasta fresca, senza dimenticare il pane, i dolci, gli ottimi vini, le birre e le grappe: i prodotti tipici del Trentino Alto Adige spaziano per varietà e tipologia. Molti sono ormai conosciuti e apprezzati in tutte le regioni italiane, come i brezel o le mele della Val di Non, mentre altri mantengono una connotazione strettamente locale.

Sia come sia, il Trentino Alto Adige negli ultimi anni ha aumentato il proprio appeal come destinazione food, grazie a una sapiente lavoro di cura e mantenimento delle tradizioni (basti pensare ai famosi mercatini di Natale) e al fiorire di una generazione di chef e ristoratori che, nel rispetto degli ingredienti tipici e della gastronomia del territorio, stanno facendo volare alto il livello qualitativo dell’offerta culinaria.

Bevande analcoliche, distillati e liquori
1Amaro Valle di Ledro
2Distillati di frutta trentina
3Ginepro (Acquavite di ginepro) – Gin distillato
4Imperatoria (Acquavite di Imperatoria)
5Picco rosso
6Sciroppo di lampone, Mirtillo nero, Ribes nero
7Sciroppo di sambuco o Conserva de sambùc (Dulzen)
8Stomatica foletto
Birre
9Birra di Fiemme
Carni (e frattaglie) fresche e loro preparazioni
10Barbusto o “Moretto”
11Brusti e/o Baldonazzi
12Cacciatore nostrano all’aglio di Caderzone
13Càren de pègora en salamoia (Carne di pecora in salamoia)
14Carne “fumada” di Siror
15Carne salada del trentino
16Carne “salada” di capra o di pecora
17Carne “salmistrada” della Valle di Cembra o Carne “fumada” se affumicata
18Carne di cavallo affumicata
19Ciuighe
20Cotechino di maiale
21Figadèt
22Fritole o Sizole
23Lardo e/o Lardo “fuma”
24Lucanica di capra o pecora
25Lucanica mochena di cavallo
26Lucanica mochena piccante
27Lucanica mochena stagionata
28Luganega cauriota affumicata o Lucanica cauriota affumicata
29Luganega del Trentino
30Luganega secca della Valle di Cembra
31Mortandela
32Mortandela affumicata della Val di Non (Valli di Non e di Sole)
33Pancetta affumicata
34Pancetta arrotolata all’aglio o Panceta ligada all’ai della Val Rendena
35Pancetta nostrana all’aglio di caderzone
36Paste “de luganeghe” o Pasta di lucaniche
37Pezate di agnelo o pezate
38Probusto
39Salame all’aglio di Caderzone
40Salame all’aglio o Salame da l’ai della Val Rendena
41Salamella fresca all’aglio di Caderzone
42Salsiccia fresca o Luganegheta fresca o Salziza fresca
43Scorzèta
44Speck del Trentino
Formaggi
45Canestrato 
46Caprino
47Casàda
48Casolet
49Dolomiti
50Fontal
51Misto capra
52Montagna
53Monte Baldo e Monte Baldo primo fiore
54Monteson
55Nostrano (Nostrano “de casel”, Nostrano, Nostrano di malga, Nostrano di Primiero)
56Provola e caciotta a pasta filata
57Tosela
58Tre valli
59Vezzena
Grassi (burro, margarina, oli)
60Burro, Burro di malga del Trentino
Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati
61Asparago di Zambana
62Broccolo di Torbole e S. Massenza
63Carota della Val di Gresta
64Vavoli cappucci della Val di Gresta
65Crauti
66Le Verde, O Verdòle
67Mais “Spin, O Nostrano della Valsugana”
68mais “nostrano di storo”
69Marmellata di frutti di bosco o Conserva de impòmbore, Giasene, More
70Marmellata di mirtilli rossi o Conserva de garnètole
71Marmellata di ribes o Conserva de ùa spinèla
72Marone trentino
73Noce del bleggio
74Patata trentina di montagna
75Pere antiche trentine
76Sedano rapa della Val di Gresta
Paste fresche e prodotti della panetteria, della biscotteria, della pasticceria e della confetteria
77Basini de Trent
78Béchi panzalini o Filone a due tagli
79Bina
80Brazedèl
81Buzòla
82Canederli trentini
83Canèderlo al formaggio o Gnoches dà formài
84Cròfani
85Cuccalar
86Gelato artigianale trentino
87gratini
88Grostoli/Crostoli
89Pan co le fritole
90Pan de segàla
91Pan de sòrc
92Pan taià o Gramolato
93Pane di molche – Pam de molche
94Pinza
95Strangolapreti
96Stràuli o Stràboli
97Strùdel
98Torta di “fregoloti”
99Tortoléti coi puriòni
100Zelten, Celteno o Pane di frutta
Preparazioni di pesci, molluschi e crostacei e tecniche particolari di allevamento degli stessi
101Sisam
Prodotti di origine animale (miele, prodotti lattiero caseari di vario tipo escluso il burro)
102Miel di rasabèch (Rododendro)
103Miele trentino
104Ricotta di capra fresca, o Poina de caòra fresca e Ricotta di capra affumicata, o Poina fumàda
105Ricotta/Ricotta affumicata o Poina/Poina fumàda

*Deroga alle norme igienico sanitarie

I PAT: prodotti agroalimentari tradizionali sono produzioni riconosciute dal Mipaaf in ogni regione d’Italia: cosa sono e quanto contano sul territorio? Le produzioni di qualità italiane sono numerose e tra loro troviamo i Prodotti Agroalimentari Tradizionali: PAT. Si tratta di produzioni tipiche che nel loro processo di produzione non subiscono modifiche da almeno 25 anni.

I PAT vengono riconosciuti dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali (Mipaaf) in ogni regione d’Italia e l’elenco dei riconoscimenti si arricchisce ogni anno di produzioni tipiche la cui origine si perde nel tempo. Al 2020 in Italia si contano più di 5000 Prodotti Agroalimentari Tradizionali. In Sardegna siamo a più di 200 e tra questi ritroviamo alcune tra le preparazioni più antiche e tradizionali dell’isola

Questi prodotti rappresentano un patrimonio vastissimo, spesso inesplorato e non facile da comunicare vista la sua immensa varietà, i Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT) vanno ad integrarsi in un patrimonio agroalimentare, quello italiano, che insieme alle produzioni a marchio DOP e IGP è tra quelli di maggior qualità.

Nel 2020 i Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT) riconosciuti dal Mipaaf sono distribuiti su tutto il territorio italiano, 5206 in tutti, con delle distinzioni dettate dalle diverse categorie merceologiche che sono più o meno diffuse da regione a regione. Sicuramente numerose in ogni regione d’Italia le PAT per pasta, pane e dolci, le cui varietà si moltiplicano di paese in paese, da nord a sud dello stivale.

Il confronto dei dati del 2020 con quelli del 2016 ci permettono di notare come i Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT) siano in continuo aumento. Indice del fatto che la consapevolezza di produttori e consumatori per il valore delle tipicità locali dell’agroalimentare italiano è sempre più diffuso, e alla ricerca di investimenti e promozione.

Un enorme patrimonio da salvaguardare, in termini di cultura ma anche di sviluppo delle economie locali: qual è il ruolo che i prodotti tradizionali possono assumere nello sviluppo di forme di turismo sostenibile? Ne abbiamo parlato nell’articolo I prodotti tradizionali e il turismo sostenibile con Fabio Parasecoli, professore di Food Studies alla New York University.

Aggiornamento del 10 febbraio 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *