Burro di malga PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del Trentino

Il burro è prodotto con crema di latte che può essere trasformata cruda o previa pastorizzazione. Il colore è paglierino molto chiaro se la panna deriva da latte di vacche alimentate a base di fieno nelle stalle oppure può tendere al giallo- paglierino carico nel caso di prodotto ottenuto da latte di vacche alimentate al pascolo o in alpeggio; il colore deriva dai betacaroteni presenti nella flora tipica e caratteristica dei pascoli alpini. Il sapore è dolce e delicato per le panne ottenuto da latte di vacche alimentate a fieno, mentre è di un dolce più carico e di un aroma più intenso nel caso di latte da vacche alpeggiate o al pascolo.

Cenni storici e curiosità

In tutto il Trentino il burro, parallelamente al formaggio, vanta una storia plurisecolare e la fama di essere tra i migliori prodotti. Tale rinomanza si accentua in particolare per quello ottenuto nella stagione estiva: un burro di qualità altissima per il sapore e per l’alto contenuto di beta-caroteni e vitamine liposolubili, grazie alla ricca biodiversità vegetale. Tale burro, frutto di una artigianalità produttiva, espressione di un millenario impegno dell’economia alpestre, sinonimo di bontà e genuinità delle produzioni a latte crudo, conserva anche dopo refrigerazione l’intenso bouquet di aromi, la ricchezza in vitamine liposolubili e beta-carotene (causa del caratteristico colore giallo) così importanti per una corretta alimentazione dell’infanzia. Storicamente il burro aveva un valore economico molto più elevato rispetto al formaggio. Ed è per questo motivo che la tradizione casearia trentina presenta tipicamente formaggi ottenuti da latte parzialmente scremato.

Fontal PAT

Formaggio a pasta cruda, a latte intero, da pasto; pasta compatta, morbida, di colore bianco o paglierino chiaro; occhiatura rada, tondeggiante, medio-grande, sparsa; crosta liscia, elastica e sottile; forma cilindrica, con piatti piani e scalzo convesso, del diametro di cm. 34-40, altezza dello scalzo cm. 9-12; peso della forma variabile da 10 a 12 kg.; pronto per il consumo dopo 30 giorni.

Continua a leggere

Carne “fumada” di Siror PAT

Il girello estratto dalla coscia del manzo disossata, viene inserito in una rete alimentare, tipo quella dell’arrosto, viene cosparsa di i un composto di pepe, sale, alloro, ginepro e rosmarino ed eventuali spezie naturali, per una durata di circa 15 giorni. Il girello viene più volte girato nel composto, affinché la salatura sia omogenea per tutto il pezzo.

Continua a leggere

Asparago di Zambana PAT

Asparago bianco di Zambana bianco coltivato in pieno campo, che trae le sue peculiari caratteristiche organolettiche (delicatezza di gusto, tenerezza e sostanziale assenza di fibra) dalle particolari condizioni pedoclimatiche e dalle tecniche di coltivazione.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *