Paniedd’ r’ Sirino PAT Campania

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Campania

Il paniedd’ r’ Sirino è realizzato con farina di mais della varietà locale detta “Quarantina”, acqua calda, in panetti del peso di 300 – 500 gr, che venivano cotti avvolti nelle foglie di cavolo.

Descrizione delle metodiche di lavorazione

s’impasta la farina di granturco con l’acquacalda in panetti del peso di circa 200-300 gr, viene avvolto in una foglia di cavolo, e cotto in forno.

Osservazioni sulla tradizionalità

I panieddi venivano preparati dai contadini del vallo di Diano e quindi venduti in occasione della festa della Madonna del Sirino, vicino Lagonegro, in Basilicata.

Territorio di produzione

Sirino (Santuario della Madonna di Sirino, vicino Lagonegro in Basilicata) Vallo di Diano (SA)

Biscotti di Castellammare PAT Campania

La forma tipica è allungata, o ad anellini, o a freselline, e ancora oggi vengono impacchettati nella stessa carta azzurra utilizzata un tempo dai pastai della vicina Gragnano. I biscotti di Castellammare si possono mangiare bagnati nella famosissima Acqua della Madonna la cui sorgente si trova nella stessa Castellamare.

Continua a leggere

Parrozzo PAT Campania

Il parrozzo salato un prodotto realizzato con farina di mais della varietà locale detta “Quarantina”, acqua calda, sale, pepe, strutto, olio extravergine di oliva e cicoli di maiale, in panetti del peso di 300 – 500 gr.

Continua a leggere

Panesillo di Ponte PAT Campania

Il panesillo, come ci suggerisce l’etimologia latina del suo nome “panis ille” è quel preciso tipo di pane che veniva preparato nelle occasioni speciali a Ponte, in provincia di Benevento. è un dolce di antichissima tradizione, confezionato artigianalmente impastando farina di grano tenero, uova fresche, zucchero e latte. Lievitato naturalmente, si cuoce in forno per…

Continua a leggere

Diventa anche tu ViVi Greeners Conosci il paniedd’ r’ Sirino prodotto campano?
Aiutaci nel nostro progetto, se hai curiosità, immagini o vuoi aggiungere una descrizione del prodotto. SCRIVICI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *