Pangiallo PAT Lazio

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del LAZIO

Dolce tradizionale legato alle festività del Natale. Ha una forma tondeggiante o a cupola, di colore ambrato, con sapore dolce che richiama i molti ingredienti utilizzati fra cui frutta secca, miele, fichi, cacao, liquori. Si prepara un impasto che viene fatto riposare per qualche minuto e si lavora manualmente fino ad ottenere una forma tondeggiante o a cupola. La cottura avviene in forno moderato fino a doratura.

Credit Photo Giallozafferano.it

METODO DI PRODUZIONE

Si prepara un impasto con tutti gli ingredienti (che variano a seconda della zone di produzione): farina, noci, nocciole, mandorle, pistacchi, fichi secchi, miele, pinoli, frutta candita (cedro, arancia), uvetta, uova, cacao amaro in polvere, cioccolato in scaglie, miele millefiori, liquore alchermes, olio extravergine di oliva e lievito, e lo si lascia riposare qualche ora. Terminato il periodo di riposo, l’impasto viene modellato manualmente fino a ottenere singoli panetti a forma di cupola o tondeggianti, in genere del peso di 500 g, spennellati con l’uovo. La cottura avviene in forno per 30-45 minuti a 160-180°C con successivo rafreddamento per 24 ore circa prima del confezionamento.

CENNI STORICI

Il Pangiallo è un dolce tipico natalizio, prodotto nella nostra regione, la cui origine viene fatta risalire all’antica Roma e, più precisamente, all’età imperiale. Si narra che fossero i “dolci dorati”, distribuiti durante la festa del solstizio d’inverno come buon auspicio per il ritorno del sole. Infatti, è ornato da un sottile strato costituito da una crosta dorata che dona al dolce la sua tipica brillantezza. Nel corso dei secoli il Pangiallo ha subito diverse trasformazioni sia nel tipo di ingredienti utilizzati che nel modo di prepararlo. È un dono di Natale da tempi antichissimi: perlopiù le mogli dei contadini lo regalavano ai notabili del luogo. Oggi è ancora un regalo abituale, ma si trova in vendita in tutti i forni.

Territorio di produzione

ROMA


Lardo di Leonessa PAT Lazio

O Lardo di forma parallelepipeda, stagionato per 90 giorni, sottoposto a salatura a secco ed aromatizzato. La tradizionalità del Lardo di Leonessa è legata al tipo di materia prima utilizzata, che…

Continua a leggere
Braciole sott’olio PAT

Bistecche di maiale sottoposte a salatura per 24 ore e successivamente cotte alla brace. Dopo la cottura è previsto un periodo di raffreddamento a temperatura ambiente. Le bistecche vegono poi conservate…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.