Pane di Triora PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della LIGURIA

Pane tipo casereccio di montagna: si presenta con le foglie di castagne che un tempo avevano la funzione di non far attaccare il preparato alla teglia o alla superficie diretta del forno.

Pane di Triora PAT

Zona di produzione: Triora, valle Argentina

Curiosità

Triora cioè tria-ora, tre bocche. Quelle del mostruoso cane Cerbero di dantesca memoria, o le tre gole create dai torrenti Corte, Argentina, Capriolo, o ancora i tre prodotti agricoli principali: vino, castagne, grano.

Insomma un nome misterioso e affascinante come la storia del borgo stesso, storia antica e tormentata, spesso macchiata da lugubre esperienze. Il nome di Triora è infatti strettamente legato alle streghe. Si crede che in questi boschi alcune ossesse svolgessero riti satanici e per questo vennero rinchiuse, processate ed addirittura bruciate sul rogo.

In realtà spesso quello che erano considerate bàggiure (streghe) erano solo persone con più o meno gravi problemi psichici, si sostiene persino che nel pane ci fosse tra gli ingredienti la segala cornuta: l’acido lisergico può infatti creare alterazione del sistema nervoso.

Nel tempo sono mutati gli ingredienti ed è diventato sicuramente meno pericoloso, ma indubbiamente è rimasto famoso questo tipico pane di Triora, fatto di farina integrale ricca di fibre e proteine dalla forma tonda e larga, riconoscibile per la crusca sul fondo, che un tempo veniva cotto ogni sette giorni nei forni comuni.

Di eccezionale conservabilità, una settimana almeno, sino a non molti anni fa si trovava solo in zona, ora è distribuito su quasi tutto il territorio del Ponente ligure. Ottimo tagliato a fette spalmate con il bruss, formaggio tipico della valle e dell’entroterra imperiese.

Pasta sciancà PAT

Streppa e caccialà (Mendatica) e sciancui (Sanremo), sono nomi che vengono dati a una pasta simile alla lasagna, strappata a mano, dall’aspetto impreciso e dal caratteristico sapore casereccio di pasta fatta in casa.

Leggi di +

Violetta di Villanova di Albenga PAT

La violetta di Villanova è una Viola odorata L. appartenente alla famiglia delle Violacee, spontanea in Europa, Asia e Africa Boreale. È una pianta erbacea, con grosso rizoma da cui partono numerosi stoloni aerei radicanti (come la fragola), che l’anno successivo al loro sviluppo originano nuovamente foglie e fiori. I fiori sono doppi, odorosi, grandi e di caratteristico…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.