Pan dolce di Cannobio PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del PIEMONTE

Il Pan dolce di Cannobio, tipico di questa cittadina del Verbano-Cusio-Ossola sulla riva del lago Maggiore, è un dolce da forno di forma rettangolare, dorato e spolverato di zucchero a velo. Gli ingredienti utilizzati per la preparazione sono: farina di nocciole, farina di mandorle, zucchero, farina di grano tenero, burro, tuorlo d’uovo, albume e vaniglia. Si produce tutto l’anno, ma è un dolce nato per la celebrazione della festa di Pentecoste fin dal 1840. La sua forma ricorda molto quella di un plum cake.

Fonte @dueamicheincucina.it Pan dolce di Cannobio, ricetta per la Pentecoste

Si presenta come una soffice mattonella, abbastanza alto e di colore nocciola chiaro, omogeneo. Profumato e leggermente asciutto. Si presta ad essere consumato tal quale o accompagnato da una crema o zabajone , oppure inzuppato nel latte.

Caratteristiche

  • Consistenza: friabile, interno omogeneo e spugnoso, lievitazione fine e occhiatura finissima. Relativamente asciutto. Superficie spolverata di zucchero a velo.
  • Odore: forte odore di mandorle e nocciole
  • Colore: nocciola.
  • Sapore: dolce equilibrato. Molto persistente la frutta secca.
  • Dimensioni medie: parallelepipedi di varie dimensioni, 500 g nel formato più comune.

Metodiche di lavorazione

Gli ingredienti utilizzati per la preparazione del Pan dolce di Cannobio sono: farina di nocciole, farina di mandorle, zucchero, farina di grano tenero, burro, tuorlo d’uovo, albume, vaniglia e eventualmente un pizzico di sale e un po’ di lievito.
Il burro è ammorbidito ed amalgamato con lo zucchero. Successivamente si unisce il tuorlo d’uovo e le farine. Infine si aggiunge l’albume montato a neve con la vaniglia. Si cuoce in pirottino o stampo di alluminio a temperatura di 180°C per 40 minuti circa. Appena cotto, il Pan dolce di Cannobio si toglie dallo stampo e, una volta raffreddato, si spolvera con zucchero a velo ed è pronto per il consumo.

ZONA DI PRODUZIONE

Il Pan dolce di Cannobio è prodotto a Cannobio, nel VCO.

TRADIZIONALITÀ

Il Pan dolce di Cannobio è stato ideato, nel 1840, per celebrare la festa di Pentecoste. A Cannobio esiste un santuario, voluto da San Carlo Borromeo, eretto sul luogo dove si trovava una casa in cui, nel 1522, avvenne un miracolo. Da allora è prodotto con gli stessi metodi e ingredienti.

Nocciola del Piemonte PAT

La «Nocciola del Piemonte» o «Nocciola Piemonte» designa il frutto in guscio, sgusciato o semilavorato della varietà di nocciolo «Tonda Gentile Trilobata » ed ha sapore finissimo e persistente e polpa croccante. Il merito di aver introdotto e diffuso l’impianto di noccioleti nella zona dell’Alta Langa va all’On. prof. Emanuele Férraris, che ebbe il merito…

Leggi di +

Cipolla di Leinì PAT

Negli orti di Leinì, sino agli anni ’50, si è coltivata una particolare tipologia di cipolla a giorno lungo, afferente alla specie Allium cepa L. e conosciuta sul territorio come Cipolla di Leinì. Particolari situazioni pedoclimatiche che caratterizzano l’areale tipico di produzione avevano favorito la diffusione di questo ecotipo autoctono di cipolla negli orti ed…

Leggi di +

Violette candite PAT

Le violette candite sono costituite da fiori di viola imbevuti e ricoperti di zucchero. Hanno la forma e il colore del fiore, e sono usati, nella tradizione cuneese, come raffinata e preziosa decorazione dei vassoi di marron glacés nelle pasticcerie, o per offrire gli stessi marroni agli ospiti, a casa propria. Derivano da una antica…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.