Pan dolce di Cannobio PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del PIEMONTE

Il Pan dolce di Cannobio, tipico di questa cittadina del Verbano-Cusio-Ossola sulla riva del lago Maggiore, è un dolce da forno di forma rettangolare, dorato e spolverato di zucchero a velo. Gli ingredienti utilizzati per la preparazione sono: farina di nocciole, farina di mandorle, zucchero, farina di grano tenero, burro, tuorlo d’uovo, albume e vaniglia. Si produce tutto l’anno, ma è un dolce nato per la celebrazione della festa di Pentecoste fin dal 1840. La sua forma ricorda molto quella di un plum cake.

Fonte @dueamicheincucina.it Pan dolce di Cannobio, ricetta per la Pentecoste

Si presenta come una soffice mattonella, abbastanza alto e di colore nocciola chiaro, omogeneo. Profumato e leggermente asciutto. Si presta ad essere consumato tal quale o accompagnato da una crema o zabajone , oppure inzuppato nel latte.

Caratteristiche

  • Consistenza: friabile, interno omogeneo e spugnoso, lievitazione fine e occhiatura finissima. Relativamente asciutto. Superficie spolverata di zucchero a velo.
  • Odore: forte odore di mandorle e nocciole
  • Colore: nocciola.
  • Sapore: dolce equilibrato. Molto persistente la frutta secca.
  • Dimensioni medie: parallelepipedi di varie dimensioni, 500 g nel formato più comune.

Metodiche di lavorazione

Gli ingredienti utilizzati per la preparazione del Pan dolce di Cannobio sono: farina di nocciole, farina di mandorle, zucchero, farina di grano tenero, burro, tuorlo d’uovo, albume, vaniglia e eventualmente un pizzico di sale e un po’ di lievito.
Il burro è ammorbidito ed amalgamato con lo zucchero. Successivamente si unisce il tuorlo d’uovo e le farine. Infine si aggiunge l’albume montato a neve con la vaniglia. Si cuoce in pirottino o stampo di alluminio a temperatura di 180°C per 40 minuti circa. Appena cotto, il Pan dolce di Cannobio si toglie dallo stampo e, una volta raffreddato, si spolvera con zucchero a velo ed è pronto per il consumo.

ZONA DI PRODUZIONE

Il Pan dolce di Cannobio è prodotto a Cannobio, nel VCO.

TRADIZIONALITÀ

Il Pan dolce di Cannobio è stato ideato, nel 1840, per celebrare la festa di Pentecoste. A Cannobio esiste un santuario, voluto da San Carlo Borromeo, eretto sul luogo dove si trovava una casa in cui, nel 1522, avvenne un miracolo. Da allora è prodotto con gli stessi metodi e ingredienti.

Cardo avorio d’Isola d’Asti PAT

Il Cardo Avorio di Isola d’Asti ha un’altezza di circa 100-120 cm, sensibilmente superiore a quella delle cultivar comunemente diffuse e ne costituisce un carattere distintivo. Le foglie sono tendenzialmente frastagliate e di colore verde grigiastro. Le coste sono giallognole o verde giallognole, qualora non avvenga l’imbianchimento ossia la rincalzatura sino ai due terzi della…

Leggi di +

Pisello di Casalborgone PAT

La zona di Casalborgone è territorio particolarmente vocato per la coltivazione del pisello (Pisum sativum L.) e vanta una antica tradizione. I piselli costituiscono, da sempre, motivo di vanto per i Casalborgonesi anche se in questi ultimi anni la produzione del luogo è andata via via scemando.

Leggi di +

Brut di Villareggia PAT

Il Brut di Villareggia è un salume a base di parti povere di maiale dall’aspetto simile a un salame di lunghezza variabile dai 12 ai 20 cm e con diametro di circa 5 cm. La superficie si presenta priva di muffe e il colore esterno tende al marrone scuro, a causa della cottura dell’impasto e…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *