Insalatina di Castagneto Po PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del PIEMONTE

L’insalatina di Castagneto Po appartiene alla specie Lactuca sativa L., pianta erbacea annuale caratterizzata da un grumolo centrale più o meno sviluppato di foglie verdi, tenerissime, aderenti fra loro. L’ecotipo locale è una lattughina di piccolo calibro, riconducibile per dimensione e forma alla tipologia Parella. Presenta foglioline dal margine arrotondato, leggermente ondulate, riunite in una rosetta di 10-15 cm di diametro. In origine, era presente sul territorio di Castagneto Po e zone limitrofe una sola varietà verde, alla quale, tra gli anni ’80 e ’90 del secolo scorso si è affiancata un’altra varietà, di colore rosso, selezionata dagli operatori locali tramite incroci dal ceppo originario.

Rispetto alla selezione commerciale denominata “Parella” l’insalatina di Castagneto Po presenta una colorazione più intensa del fogliame, una minor fibrosità dei lembi ed una maggior resistenza al freddo. La parte edule si consuma cruda, in insalata. Tradizionalmente, veniva coltivata nelle zone collinari soleggiate, tra i filari dei vigneti. La tecnica colturale prevede la semina tardo estiva/autunnale (le prime semine si effettuavano a fine agosto con una forte concentrazione della messa a dimora del seme a settembre/ottobre); le raccolte iniziavano in autunno e proseguivano durante tutto l’inverno fino a primavera.

Per soddisfare le esigenze dei produttori locali si procedeva, direttamente in azienda, alla produzione del seme; una parte delle piante veniva mantenuta in campo, a fine inverno, per ricavarne il seme. Nel tempo l’attività di selezione andò scemando in tutto l’areale e si fece via via maggior ricorso a linee commerciali di lattughino riconducibili alla tipologia Parella.

ZONA DI PRODUZIONE

La zona di produzione è limitata a Castagneto Po ed ai comuni collinari limitrofi (S. Raffaele Cimena, Casalborgone, Rivalba, S. Sebastiano da Po), in provincia di Torino.

TRADIZIONALITÀ

Dalle testimonianze orali degli agricoltori locali, si è accertato che questa varietà è oggetto di coltivazione sin dai primi anni del ‘900. In quell’epoca iniziarono le attività di selezione e riproduzione del seme che sono proseguite sino agli anni ’90 quando furono introdotte nuove linee di lattughino riconducibili alla tipologia Parella. Le attività avviate ultimamente sul territorio da Enti locali testimoniano dell’interesse ancora attuale per l’insalatina di Castagneto Po, che ha caratterizzato decenni di attività agricola in un territorio particolarmente vocato alla produzione di ortaggi a foglia.

Mele autoctone del Piemonte PAT

Fino alla prima metà del Novecento la melicoltura piemontese si diffonde soprattutto lungo le vallate alpine, nelle zone pedemontane e collinari. In seguito si espande anche in pianura affiancandosi alle tradizionali colture erbacee. In tale periodo e fino agli anni ’40 dello scorso secolo il Piemonte ha rivestito un ruolo di tutto rilievo nel contesto…

Leggi di +

Pane di Segale PAT

Il pane di segale, o pane nero, o “pan biava” è sicuramente il pane più tipico e tradizionale dell’Ossola. Si produce ancora in alcune famiglie, e sono molti i panifici, che, in sede di recupero culturale e sull’onda delle tendenze a recuperare i prodotti tipici, hanno reintrodotto tale pane nella produzione ordinaria. Ve ne sono…

Leggi di +

Timballa o timballo di pere PAT

La Timballa o Timballo di pere è una torta a base di pasta frolla con farina di mais fine (fumetto/farina di mais da pasticceria) farcita con pere non troppo mature cotte nel vino rosso, nel vino rosso e Marsala o solo con Marsala, secondo le zone e le abitudini famigliari. A Cigliano, questo dolce viene…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *