Liquore di Genziana PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del LAZIO

Liquore ottenuto mediante infusione enoalcolica (alcool con aggiunta di vino bianco) della radice essiccata della pianta di genziana (presente in commercio) ed altri aromi naturali: chiodi di garofano, cannella, ginepro etc. L’infusione avviene in recipienti della capacità di 300 litri per un periodo di 40 giorni. Il liquore di genziana presenta: titolo alcolometrico pari al 30%, gusto piuttosto amaro e colore giallo paglierino. Il livello di amarezza dipende dall’altitudine in cui la pianta è cresciuta; infatti la genziana (fam. Gentianaceae) è pianta perenne a lento accrescimento il cui habitat naturale sono i pascoli montani con terreni sciolti e profondi nei quali le radici raggiungono le dimensioni maggiori. Al liquore di genziana vengono attribuite proprietà digestive.

Storia tradizionale del prodotto

Dai tempi più remoti le piante con gusto amaro, come la genziana, sono state utilizzate per le loro proprietà digestive. La genziana è già menzionata da Discoride, a sorgere dell’era cristiana, e da Andromaco, di cui la triaca avrebbe dovuto rendere invincibile l’imperatore Nerone. Ciò che è certo, è che il nome della pianta proviene da re Genzio, ultimo re dell’Illiria, catturato dai Romani poco prima della nostra era. Dalle testimonianze orali raccolte si apprende che nelle aree montane del Reatino, in cui la genziana cresce spontaneamente, la preparazione del liquore avveniva principalmente in ambito domestico e veniva utlizzato come digestivo o come rimedio contro alcuni disturbi.

Territorio

Contigliano ( RIETI )

Fagiolo ciavattone piccolo
Fagiolo giallo
Fagiolo solfarino
Fagiolo Verdolino PAT Lazio

I fagioli diffusi nella provincia di Viterbo rappresentano antiche varietà locali i cui semi sono stati gelosamente custoditi per anni e riprodotti per uso personale da anziani agricoltori della zona. Le loro particolari caratteristiche organolettiche e nutrizionali sono determinate dalle condizioni climatiche e dalla composizione dei suoli in cui crescono. La coltivazione avviene su terreni…

Leggi di +

Ciambelle con l’anice, PAT Lazio

Ciambelle dolci e fragranti di forma tondeggiante di colore dorato, ottenute dalla lavorazione di farina di grano tenero tipo 00, vino bianco, olio extravergine d’oliva, anice e sale.

Leggi di +

Lu cavalluccio e la puccanella PAT Lazio

Tradizionale dolce laziale abruzzese di colore leggermente scuro, preparato da un impasto simile a quello del pane, arricchito con l’uova, che si trova nelle due forme alternative di cavallo e di bambolina. Cotto in forno a legna, si consuma nell’arco di 5-10 giorni. Si tratta di una preparazione ancora oggi limitata all’ambito domestico, la cui…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *