Pane di Canale Monterano PAT Lazio

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del LAZIO

Il Pane di Canale Monterano presenta forma caratteristica di una pagnotta con pezzatura da 0,500 kg a 2,500 kg. La crosta ha spessore di 3 mm circa e la pasta interna, di colore bianco, ha una discreta alveolatura. Umidità massima 35%; profumo intenso di cereali.

METODO DI PRODUZIONE

Questo pane è preparato con la farina di grano tenero tipo 0 e 00, acqua leggermente alcalina (fornita dall’acquedotto comunale di Canale Monterano) e soprattutto con il lievito madre, ottenuto aggiungendo nell’impasto di acqua e farina, circa 2% di pasta acida del giorno precedente. La cottura avviene nel forno a legna per qualche minuto.

CENNI STORICI

Il Pane storico di Canale Monterano prende origine nei primi anni del 1500 e subisce l’influenza del pane umbro e toscano senza sale. In questa epoca l’antica città di Monterano conobbe un periodo di intensa immigrazione di boscaioli umbri e toscani chiamati dagli Orsini, feudatari del territorio per disboscare la Silva Mantiana, estrema propaggine della Silva Cimina, famosa per la sua impenetrabilità, che già in precedenza aveva ostacolato la conquista dell’Etruria da parte di Roma.

Territorio di produzione

Canale Monterano (ROMA)


Biscotto di Sant’Anselmo PAT Lazio

Il Biscotto di Bomarzo o “Pane di Sant’Anselmo” è una ciambella ricavata attenendosi scrupolosamente a ricette antichissime tramandate oralmente di madre in figlia. Un sapiente dosaggio degli ingredienti ed una lievitazione…

Continua a leggere
Gricia o griscia PAT del Lazio

La ricetta della pasta alla Gricia ha origine nella frazione di Grisciano. Nel comune di Accumoli, che è l’ultimo avamposto laziale sulla via Salaria, l’antica via del sale, in direzione di…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.