Lambascioni in agro PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Puglia

Lampascioni in agro, Pampasciuni in agro, Lampasciuni in insalata, Lampasciuoli in agro, Lambascioni in agro-dolce, Muscari in agro.

Che lo si consideri uno degli antipasti tipici pugliesi o lo si prepari come contorno in accompagnamento a secondi piatti pugliesi che richiedono un pizzico di sapore in più, i lampascioni lessi sono una delle ricette di antipasti pugliesi più gustosi che si possano assaggiare. La semplicità di questo piatto ha radici antiche, è uno degli antipasti di terra pugliesi più noti della tradizione culinaria regionale. Il sapore amarognolo di queste cipolle selvatiche, che sembra stridere con il loro retrogusto dolce e delicato, è familiare per il palato di numerosi pugliesi, ma anche calabri e lucani: i bulbi di lampascione, infatti, sono conosciuti soprattutto in Puglia, Calabria e Basilicata, e molto meno nel resto d’Italia. Questo significa che se sei in vacanza in Puglia non puoi assolutamente perdere l’occasione di mangiarli. Per acquistare i lampascioni, basta perdersi in uno dei numerosi mercati pugliesi presenti nella regione.

LAMPASCIONI, COSA SONO E COME SI RACCOLGONO

La raccolta del bulbo di questa pianta erbacea avviene a mano estraendolo dalla terra, lo si trova infatti nel sottosuolo a circa 12-20 centimetri di profondità e solitamente cresce nei terreni incolti, lungo i margini delle strade, in pascoli aridi, ma anche in zone caratterizzate dalla presenza di prati, vigneti e frutteti. Per quanto a prima vista possa sembrare una cipolla, in realtà il lampascione è molto più delicato, per questo motivo estrazione e raccolta devono essere eseguite con attenzione. Estrarli a mano evita che i lampascioni possano danneggiarsi, correndo poi il rischio di renderli non più commestibili.

COME SI TOGLIE L’AMARO AI LAMPASCIONI

Per eliminare il sapore amarognolo dei lampascioni, bisogna pulirli in maniera adeguata: per prima cosa occorre eliminare la terra e separare bulbo e radici. Fondamentale, poi, è metterli in ammollo nell’acqua per un’oretta o più (anche per una notte intera se le note amare non sono di tuo gradimento). Una volta terminata questa fase, si può procedere con la cottura, scegliendo di cucinarli come si desidera: fritti, al forno, lessi, sott’olio o sotto forma di frittelle golose. Come noti, le varianti sono tantissime, ma se in cucina ami preparare ricette semplici e golose, puoi seguire i passaggi della nostra ricetta pugliese dei lampascioni lessi.

INGREDIENTI PER LA RICETTA

  • 500 grammi di lampascioni
  • olio extravergine di oliva
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • aceto o limone

PREPARAZIONE LAMPASCIONI LESSI

  • Pulisci bene i lampascioni e lavali ripetutamente.
  • Per eliminare il gusto amaro ti consigliamo di lasciarli per una notte intera in acqua fresca e risciacquarli il giorno dopo.
  • Una volta tolti dall’acqua in cui sono stati tenuti in ammollo, puoi cucinarli: lessa i lampascioni in acqua bollente e cuocili per circa 20 minuti.
  • Scolali bene e servili caldi conditi con olio, pepe e una spruzzatina di limone o aceto.
  • Puoi accompagnare il piatto con una fetta di pane casereccio croccante, così da non rinunciare alla scarpetta finale

Fonte @puglia.com Vedi RICETTA

Territorio

Intera regione Puglia

Patata di Zapponeta PAT

La patata di Zapponeta è un tubero a pasta gialla, ricco di amido, proteine e zuccheri. Viene coltivato in due periodi nell’arco dell’anno, raccolta a maggio (patata primaticcia) e a novembre. Viene conservata in sacchi di tela o in cartoni al riparo dalla luce.

Leggi di +

Pane di Santeramo in Colle PAT

Pane costituito da pagnotte dal peso medio che va da 0,5 kg fino a 1,5kg. Forma tonda o lievemente allungata non schiacciata ovvero a rialzo medio (di 10-12 fino a 15cm, occasionalmente a forma intrecciata. La crosta ha colore che va dal marrone chiaro al bruno scuro, secondo il grado di cottura, con spessore di…

Leggi di +

Conserva piccante di peperoni PAT

La “cunserva mara”, è un concentrato di salsa piccante a base di pomodorini e peperoni rossi. Nel dialetto, “mara” equivale a piccante e non amara come il termine induce a pensare. Un tempo le donne salentine, ne producevano una discreta quantità da utilizzare nel corso del lungo inverno e poter così godere del suo forte…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.