Cucina tipica toscana
TORTA SCENDILETTO

Prodotto Agroalimentare Tradizionale PAT della Toscana

La Torta scendiletto è un gustoso dolce toscano alla crema. Due strati di pastasfoglia con al centro uno di crema pasticcera. Servito a quadrotti non sembra esserre nemmeno una torta. Una bontà della pasticceria Toscana

Torta scendiletto Photo @primochef.it

Preparazione 15 mn + Cottura 35 mn

Persone 12 pax

Difficoltà: facile

Ingredienti

  • 2 rotoli di pasta sfoglia
  • 4 tuorli
  • 300 ml di latte
  • 200 ml di panna fresca
  • 150 g di zucchero (+ 1 cucchiaio)
  • 1 bacca di vaniglia
  • 50 g di amido di mais
  • zucchero a velo q.b.

Preparazione

  1. Per prima cosa srotolate un rotolo di pasta sfoglia sulla leccarda del forno, mantenendo la carta in dotazione.
  2. Bucherellatela con i rebbi di una forchetta per evitare che gonfi troppo, spolverizzate con 1 cucchiaio di zucchero semolato e cuocete a 180°C per 15 minuti.
  3. Nel frattempo preparate la crema pasticcera: scaldate in un pentolino la panna e il latte insieme alla bacca di vaniglia tagliata a metà per il lungo.
  4. A parte sbattete i tuorli con lo zucchero e l’amido di mais.
  5. Versate a filo il latte e la panna tiepidi (rimuovendo il baccello), mescolando con una frusta da cucina.
  6. Rimettete tutto sul fuoco calcolando circa 5 minuti dalla ripresa del bollore. La crema si deve addensare raggiungendo la caratteristica consistenza.
  7. Trasferitela in una ciotola e fatela raffreddare completamente coperta da una pellicola trasparente.
  8. Spalmate poi la crema sulla pasta sfoglia cotta e raffreddata e richiudete con la sfoglia rimanente, pressando bene lungo i bordi per sigillare.
  9. Infornate a 180°C per 20 minuti.
  10. Servite lo scendiletto toscano dopo averlo fatto intiepidire e tagliato a quadrotti e non dimenticate di spolverizzare con lo zucchero a velo!

Fonte ricetta @primochef.it

Cucina tipica Piemontese BOLLITO MISTO

Alla Sagra del bue grasso che si celebra a Carrù il secondo giovedì antecedente il Natale, il gran bollito alla piemontese trova il suo momento di gloria con i sette pezzi canonici: scaramella, testina, muscolo, lingua, coda, cappone e cotechino. Poiché il cappone si consuma esclusivamente a Natale, nella ricetta che presentiamo è sostituito con…

Leggi di +

Cucina classica
INSALATA RUSSA

L’insalata russa è l’antipasto classico che non può proprio mancare sulla tavola delle feste. Si usa anche come contorno e viene solitamente preparata con patate, carote, piselli, cetriolini (alcuni anche uova sode) quindi condita con una morbida maionese fatta in casa. L’insalata russa sembrerebbe essere stata inventata da Lucien Olivier, un cuoco di origine belga, intorno alla seconda…

Leggi di +

Cavolfiore all’uso di Romagna PAT Emilia Romagna

Ortaggio cucinato con aggiunta di aglio, prezzemolo, pomodoro. “Dividete una grossa palla di cavolfiore, o due se sono piccole, in spicchiettini che laverete; e così crudi, senza asciugarli, cuoceteli in questo modo: ponete al fuoco un battuto proporzionato di aglio,  prezzemolo e olio, e quando sarà rosolato fermatelo con un gocciolo d’acqua. Gettateci allora il…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *