Cima di cola PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Puglia

cime d cole (in dialetto la “e” è muta)

La ‘Cima di cola’ è una varietà locale del cavolfiore (Brassica oleracea L. var. botrytis). In Italia, infatti, ci sono numerose varietà locali di cavolfiore, in quanto il nostro Paese è stato, nei secoli, uno dei più importanti centri di differenziazione di questa specie. Tra le antiche varietà con infiorescenza verde è particolarmente rinomata la ‘Cima di cola’.

Pianta: morfotipo uniforme; durante la crescita presenta uno stelo allungato non ramificato che termina con apice allargato florale o preflorale. Altezza 75 cm, diametro 80 cm. Radice triangolare di media lunghezza 15-20 cm x 3-4 cm;

Foglia: lunghezza della foglia 70 cm, ampiezza della lamina fogliare 35 cm, lamina fogliare ovata, media bollosità, colore della foglia verde scuro, peduncolo e/o nervatura centrale largo e verde chiaro, picciolo di dimensioni 5 cm x 1,5 cm x 15 mm;

Capolino: capolino esposto di media grandezza in relazione alle dimensioni della pianta 20-25 cm x 13-16 cm, foglie che formano il capolino curve verso l’esterno, foglie esterne del capolino verde scuro, capolino di consistenza intermedia, capolino compatto costituito da subcapolini disposti irregolarmente;

Fiore: sezione longitudinale sferica dell’infiorescenza, infiorescenza larga e profonda dalla superficie gialla, assenza di brattee nell’infiorescenza, bassa predisposizione alla fioritura precoce, media lunghezza del peduncolo del fiore, stelo fiorale mediamente ramificato, fiore giallo uniforme;

Frutto: siliqua di 3-5 cm x 0,3-0,4 con attitudine eretta e bordo ristretto tra i semi, rostro mediamente lungo 5 cm, pochi semi per siliqua (10 o meno) con tegumento marrone;

Periodo di raccolta: da ottobre a gennaio.

Storia e curiosità

Sul listino prezzi del Mercato Ortofrutticolo all’ingrosso di Bari di anni diversi è riportata l’indicazione “Cavolfiori C. di cola al pezzo” e Cavolfiori C. di cola al fascio”. Tra le prime segnalazioni quella di Cesare Giulivi del 1984 in “Commercializzazione del Cavolfiore sui mercati nazionali ed esteri”.

Caratteristiche

Tra le antiche varietà con infiorescenza verde è particolarmente rinomata la Cima di cola il cui colore è più precisamente verde limone. La parte edule della Cima di cola è più spugnosa delle varietà di cavolfiore presenti sul mercato ed emana un forte odore durante la cottura.

Territorio

Molfetta Bari

Focaccia di San Giuseppe di Gravina PAT

La focaccia viene preparata nel periodo di San Giuseppe nel comune di Gravina in Puglia da tutti i panifici della città. Realizzata con pasta di farina di grano duro lievitata, cipolle lunghe, uva sultanina e alici salate, si presenta di forma circolare ottenuta tramite l’arrotolamento della pasta e i condimenti, di circa 35-40 cm di…

Continua a leggere

Parmigiana di melanzane PAT Puglia

Simbolo della dieta mediterranea, la parmigiana di melanzane pugliese è un piatto molto saporito che può essere gustato come antipasto o secondo piatto. L’origine di questo piatto pare essere la parmigiana siciliana o napoletana, tuttavia si tratta di un piatto tipico della tradizione gastronomica dell’intero Mezzogiorno d’Italia e anche in Puglia è una pietanza molto…

Continua a leggere

Salsiccia alla salentina PAT Puglia

Detta anche Sardizza, Sarsizza o Satizza, la Salsiccia alla Salentina viene preparata con tagli magri di bovino e suino, e grasso di suino; una volta macinate, le carni sono conciate con sale, pepe nero, scorza di limone grattugiata e vino bianco; talvolta all’impasto vengono aggiunti anche cannella e chiodi di garofano. Il composto è poi…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *